Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Capperi, tutte le proprietà e i benefici. Ecco come si scelgono e come si conservano

Il cappero è diuretico, cura emorroidi e gotta. E’ un rimedio naturale contro le allergie, stimola appetito e digestione. Preferite, per la cucina, quelli più piccoli, perfetti per insalate e riso.

Condivisioni

BENEFICI DEI CAPPERI –

Tante ricette estive non ne possono fare a meno perché come nessun altro ingrediente è capace di arricchire con un sapore unico il piatto, anche se si tratta di una semplice insalata. Si tratta del cappero, il bocciolo di un piccolo arbusto, che regala un profumo molto intenso sulle nostre tavole, ma che produce anche benefici alla nostra salute. È un  diuretico naturale, ottimo per la cura di emorroidi, varici e gotta. Inoltre è ricco di sali naturali, ed è un rimedio naturale contro le allergie, delle quali riduce i sintomi. Infine, stimola l’appetito e la digestione.

LEGGI ANCHE: Ricetta spaghetti con olive e capperi

CAPPERI E COLESTEROLO –

Le proprietà benefiche dei capperi non finiscono qua. Questi boccioli sono ricchi di acqua e fibre e contengono solo 23 kcal ogni 100 grammi, anche se i valori vengono influenzati dalle tecniche di conservazione. Quelli sott’olio, ad esempio, avranno un apporto calorico molto più alto rispetto a quelli in salamoia o sott’aceto. Oltre alle poche calorie, i capperi contengono anche molta rutina, una sostanza naturale particolarmente efficace nel contrastare l’insorgere del colesterolo. Quest’ultima infatti impedisce la formazione di pericolose placche nelle arterie.

I CAPPERI FANNO BENE

EFFETTI BENEFICI DEI CAPPERI –

Ma vediamo come si scelgono, come si usano e come si conservano i capperi.

Come si scelgono. Da preferire sono quelli con il bossolo, ovvero la taglia, più piccolo. Perfetti per insalate di paste e riso. Quelli più grandi, invece, usateli per il vitello tonnato e per i sughi. Quanto alla provenienza, i più famosi arrivano dalle isole di Salina e di Pantelleria, entrambe in Sicilia.

Come si usano. Se sono sotto sale, bisogna lasciarli immersi in acqua per mezz’ora. Se invece sono sotto aceto, bisogna lavarli in acqua fredda per togliere  l’agro, asciugarli, e condirli con olio extravergine.

Come si conservano. Quando avanzano, o quando li abbiamo di riserva, è bene metterli sempre sotto sale, in una barattolo (meglio di vetro) a chiusura ermetica. In questo modo non si seccano e non perdono la loro umidità.

PER APPROFONDIRE: La ricetta della pasta con scarola, capperi e olive