Ricetta pizza di scarola | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Pizza di scarola: la ricetta di una delizia tipica della tradizione napoletana, con le olive, i capperi e il pecorino grattugiato

È la regina delle pizze ripiene: ottima sia calda, appena sfornata che a temperatura ambiente, è l’ideale non solo per il pranzo in ufficio che per i picnic al parco insieme ai bambini

Condivisioni

RICETTA PIZZA DI SCAROLA

Tipica della tradizione napoletana, la pizza di scarola, con il suo impasto fragrante, le olive di Gaeta, i capperi e il pecorino grattugiato è la regina delle pizze ripiene. Diffusa e preparata in tutta la Campania, la pizza di scarola prevede numerose varianti, compresa una versione con la pasta frolla.

LEGGI ANCHE: Focaccia di patate, la ricetta di un antipasto soffice che permette di recuperare il purè avanzato

PIZZA DI SCAROLA

Ottima sia calda che appena sfornata che a temperatura ambiente, la pizza di scarola è l’ideale per il pranzo in ufficio e per i picnic al parco in compagnia dei bambini. Un modo gustoso anche per convincere i più piccoli a mangiare le verdure, un alimento di cui spesso non vogliono proprio sentire parlare.

PER APPROFONDIRE: Pizza, la ricetta per prepararla in casa con la pasta madre. Croccante, leggera e digeribile

COME PREPARARE LA PIZZA DI SCAROLA

Ecco allora, passo per passo, come procedere per la preparazione della ricetta della pizza di scarola:

INGREDIENTI (per la pasta)

  • 300 gr di farina
  • Pasta madre o 1 dado di lievito di birra
  • Acqua tiepida (quanto basta)
  • Un pizzico di sale
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

INGREDIENTI (per il ripieno)

  • 2/3 cespi di scarola
  • 2/3 spicchi d’aglio
  • 120 gr di olive di Gaeta
  • 60 gr di capperi dissalati
  • 3 cucchiai di pecorino grattugiato
  • Sale
  • Pepe
  • Olio
  • Una manciata di uva passa (a scelto)

PREPARAZIONE

  1. Innanzitutto, preparate la scarola.
  2. Pulitela, sciacquatela e sistematela in un recipiente di coccio, quindi salatela (sale fino), mescolando bene, e lasciatela riposare per alcune ore, fino a che abbia rilasciato buona parte della sua acqua.
  3. A questo punto sciacquatela di nuovo, strizzatela a fondo e asciugatela con un canovaccio pulito.
  4. Lavorate intanto la pasta, che deve risultare piuttosto morbida ed elastica (la pasta da pizza deve essere più umida, più morbida della pasta da pane).
  5. Fatela lievitare fino a quando raddoppia di volume. Il tempo dipende dal tipo di lievito che usate. La pasta madre richiede tempi decisamente più.
  6. Quando è pronta, stendete con il mattarello due terzi dell’impasto e foderate una teglia grande a bordi alti che avrete oliato preventivamente.
  7. Sistemate nella teglia una buona metà della scarola e conditela con l’aglio affettato, le olive snocciolate e tagliuzzate, i capperi, eventualmente l’uva passa rinvenuta in acqua e i pinoli. Niente sale.
  8. Secondo i vostri gusti, aggiungete un pizzico di pepe o un peperoncino tritato. Irrorate di olio e cospargete col formaggio grattugiato. Coprite con il resto della scarola e irroratela con un altro filo d’olio.
  9. Stendete il terzo rimasto della pasta in un disco e collocatelo sopra la scarola, chiudendo i bordi con la pressione di una forchetta. Spennellate di olio la superficie e bucatela con la forchetta per consentire l’evaporazione.
  10. Infornate la pizza a 200 gradi per circa un’ora e servitela tiepida.

TRE RICETTE CON LA SCAROLA CHE NON POTETE PROPRIO PERDERE:

  1. Zuppa di fagioli e scarola: la ricetta napoletana ricca di vitamine e sali minerali. Vegan, economica e sana
  2. Ricette con la scarola: imbottita è deliziosa
  3. Pasta con scarola, capperi e olive, la ricetta semplice per portare la tradizione in tavola