Questo sito contribuisce all'audience di

Quanto costa crescere un figlio in Italia. 300mila euro fino a 18 anni, 7mila euro il primo anno

Dalla culla alla maturità: le spese per le famiglie sono schizzate del 25 per cento negli ultimi anni. Si è allargata la distanza tra i più ricchi e le famiglie con redditi normali, mentre l’aiuto dello Stato in Italia è il più basso d’Europa. Anche per questo siamo al record negativo di natalità: soltanto 474mila nuovi bebè nel 2016

Quanto costa crescere un figlio in Italia. 300mila euro fino a 18 anni, 7mila euro il primo anno
Quanto costa crescere un figlio in Italia: la stangata per le famiglie dalla culla all'università
di
Condivisioni

QUANTO COSTA CRESCERE UN FIGLIO IN ITALIA –

Facciamo pochi figli: questo è sicuro. Nel 2016 abbiamo toccato il record negativo dal dopoguerra, con appena 474mila nuove nasciste, un livello che rischia di mandare l’Italia in corto circuito sul piano demografico. Ma tra i primi motivi della bassa natalità sicuramente bisogna mettere il costo del mantenimento di un figlio, a partire dal primo anno di vita. Culla, passeggiano, salviette, pannolini, visite del pediatra, latte e pappa, giocattoli, seggiolino per l’auto, farmaci: già con queste voci la spesa bebè, solo per il pirmo anno di vita, oscilla tra i 7 e i 15mila euro, e ovviamente molto dipende dal luogo di residenza. In ogni caso, stiamo parlando di uno stipendio per arrivare solo al primo compleanno del figlio.
Ma quanto costa in generale crescere e mantenere un figlio? Da zero a 18 anni, alla fine dei conti, si arriva fino a 300mila euro. Con un aumento generale della spesa pari a oltre il 25 per cento negli ultimi vent’anni.

LEGGI ANCHE: Montessori, il modello educativo che mette al centro la libertà dei bambini

I COSTI SOSTENUTI DALLE FAMIGLIE PER I FIGLI, DALLA CULLA ALL’UNIVERSITÀ –

La stangata per le famiglie italiane va dalla culla all’università e non conosce tregue. Durante il primo anno di vita, per esempio, un bebè assorbe 460 euro per la culla, oltre mille euro per i pannolini, 3.400 euro per latte e pappe, 2.500 euro per vestiti e calze.

COME MANTENERE UN FIGLIO –

Poi ci sono i costi dell’educazione e dell’assistenza, a partire dalla scuola, i viaggi, lo sport, i trasporti. Ovviamente le differenze sono enormi sulla base del reddito e anche in questo senso la Grande Crisi ha allargato la forbice tra i più ricchi, una ristretta minoranza, e la maggioranza delle famiglie. Nel 1996 le famiglie più ricche spendevano per i figli il doppio di quelle meno fortunate; oggi il rapporto è schizzato a 2,7 a 1.

GLI AIUTI DELLO STATO ALLE FAMIGLIE –

Quanto agli aiuti pubblici per le famiglie l’Italia, nonostante le tante promesse dei vari governi, è agli ultimi posti della classifica europea: appena l’16 per cento del prodotto interno lordo. Record negativo tra i paesi dell’Unione.

COSÌ ALL’ESTERO AIUTANO LE MAMME A CRESCERE I FIGLI 

In Austria è più facile essere mamma: assegni da mille euro e congedo fino a tre anni

Famiglia, in Germania un bonus di 300 euro per i genitori che passano più tempo con i figli

Renho Murata, la leader giapponese che vuole investire sul futuro aiutando le donne

L’Italia non è un Paese per mamme. Il 25% perde o lascia il lavoro dopo la gravidanza

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie: