Questo sito contribuisce all'audience di

Pannolini lavabili: in Friuli spesa delle famiglie dimezzata anche grazie agli incentivi

Lotta allo spreco del pannolino, che vale il 3 per cento del totale dei rifiuti. Un contributo, fino al 50 per cento, a chi acquista quelli lavabili e un Centro di riciclaggio per trasformali in plastica. Il risparmio? Mille euro a famiglia.

Condivisioni

VANTAGGI PANNOLINI LAVABILI –

Finalmente qualcosa di concreto si muove, da parte delle amministrazioni locali e delle famiglie, contro lo spreco dei pannolini. Uno spreco che costa soldi, tanti soldi, rifiuti e inquinamento. In Friuli Venezia Giulia è attiva una campagna regionale intitolata Nati per non inquinare che, da un lato agevola l’uso dei pannolini lavabili, a scapito di quelli usa e getta, e dall’altro spiega come va gestito questo insidioso rifiuto.

LEGGI ANCHE: Pannolini lavabili, tutti i benefici di questa alternativa non sprecona

LA QUANTITA’ DI RIFIUTI CAUSATA DAI PANNOLINI USA E GETTA –

Partiamo dai numeri. Nei primi tre anni di vita un bambino consuma, mediamente, 1 tonnellata e 600 chili di rifiuti formati da pannolini usa e getta: l’equivalente di 42 bidoni di immondizia. Dove finisce la valanga di spazzatura? Nel 77 per cento dei casi, dunque per una larghissima maggioranza, nelle discariche, dove rischia di restare anche per un centinaio di anni. E soltanto nel 23 per cento casi, invece, i pannolini vengono lavorati negli inceneritori. Tutto ciò significa un enorme costo per la collettività sia in termini di smaltimento sia per quanto riguarda i rischi di inquinamento ambientale: il 3 per cento dell’intero ammontare dei rifiuti è formato proprio da pannolini, assorbenti e prodotti per l’incontinenza. Quanto invece alle spese delle famiglie, il costo dei pannolini usa e getta nei primi tre anni di vita di un bambino oscilla tra i 1.600 e i 2.000 euro.

GLI OBIETTIVI DELLA CAMPAGNA “NATI PER NON INQUINARE” –

E vediamo che cosa cambia con la campagna Nati per non inquinare. Il primo obiettivo è quello di convincere le famiglie a utilizzare i pannolini lavabili ( ne esistono ben tre versioni), anche attraverso incentivi che le amministrazioni locali mettono sul tavolo: fino al 50 per cento della spesa. Con i pannolini lavabili i costi per le famiglie crollano, e passano dai 1.600-2.000 euro dell’usa e getta a 400-600 euro. In alcune province del Friuli, come quella di Gorizia, è stata poi aperta una “pannolinoteca” che mette a disposizione delle famiglie un servizio di prestiti gratuiti, per almeno due settimane, di un set di dieci pannolini lavabili. Quanto al riciclo, i pannolini, se passano attraverso il filtro di una buona raccolta differenziata, possono diventare plastica e cellulosa, come avviene nel Centro di riciclaggio di Vedelago, in provincia di Treviso. Infine, l’azione della politica, in sostegno alle famiglie, può spingere, come sta avvenendo, a cambiamenti dei prodotti da parte delle aziende, e non a caso sta aumentando l’offerta proprio di pannolini lavabili. Mentre la ricerca esplora nuove frontiere. In Israele, la società Cine’al ha brevettato dei pannolini realizzati attraverso l’uso di resti essiccati della cerne di meduse. Praticamente sono fatti per il 98 per cento di acqua, e dunque perfettamente biodegradabili.  

Qui un video prodotto a supporto della campagna Nati per non inquinareattraverso il quale è possibile conoscere tutti i vantaggi ambientali, economici e per la salute dei bambini, dei pannolini lavabili:

PER APPROFONDIRE: Come scegliere pannolini lavabili, una risorsa per molti genitori, la storia di Barbara Tre topini

LEGGI ANCHE: