Caro-bebè: 10mila euro a famiglia. Ecco come potete risparmiare | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Caro-bebè: 10mila euro a famiglia. Ecco come potete risparmiare

Caro-bebè sempre più alto. Le associazioni dei consumatori denunciano, in coro, un’impennata dei prezzi dei prodotti per l’infanzia e arrivano a calcolare una spesa annua che può superare i 10mila euro. È l’effetto di una serie di fattori che alimentano un’impennata dei costi senza fine.

Alcuni prodotti sono in costante aumento: le mamme italiane, per esempio, hanno scoperto che nel 2012 le culle sono aumetate del 10 per cento e lo stesso incremento si registra nel settore delle pappe di marca. Poi ci sono i servizi che scarseggiano, come i posti negli asili nido, e una struttura privata non costa meno di 500 euro l’anno. Infine qualche cattiva abitudine delle famiglie, come l’uso smodato dei pannolini non lavabili.

Come si reagisce e come ci si difende dal caro-bebè? Le strade sono tre. Innanzitutto il ricorso ai prodotti usati, per i quali si è moltiplicata l’offerta online, talvolta molto efficace e conveniente. La redazione di www.nonsprecare.it ha fatto un’indagine a tappeto e vi segnaliamo alcuni siti che ci sembrano tra i più interessanti per gli acquisti dell’usato per l’infanzia attraverso il web. Per i vestiti e per tutti i prodotti non alimentari funzionano bene i siti www.babybazar.it e www.secondamanina.it Il sito www.girobimbi.it indica, regione per regione e città per città, i negozi dell’usato per l’infanzia con i prezzi più convenienti. Per le pappe, invece, consultate pappeebambini.com: troverete una serie di soluzioni preziose per fare le pappe in casa, senza ricorrere al salasso delle grandi marche. La seconda pista del risparmio è quella dei gruppi di acquisto, e anche in questo caso il web fornisce molte alternative. Infine: cercate di scegliere i prodotti giusti. I pannolini lavabili, per esempio, li trovate a buon prezzo sul sito www.pannolinilavabili.it

Shares