Il monopattino non è sostenibile | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Monopattino: non è un mezzo sostenibile

Non sostituisce l’auto, ma la bici e la più salutare camminata. Inquina e danneggia il clima. E ha una percentuale di incidenti alta e in forte aumento.

Il monopattino non è sostenibile. Peggio: può essere divertente quanto vi pare, ma è il simbolo di una sostenibilità truccata. Sotto tutti i punti di vista.

IL MONOPATTINO NON È SOSTENIBILE

Per quanto la moda e gli affari dettino legge, e hanno fatto diventare il monopattino l’ultimo mezzo della nuova mobilità green, la verità è tutt’altra, come dimostrano i numeri e alcune ricerche scientifiche che nessuno potrà mai smentire. Il primo motivo che smonta la funzione salvifica del monopattino riguarda il suo uso. Gli utenti lo affittano per l’ultimo miglio: in Italia il noleggio medio ha una durata di 12 minuti e una percorrenza di 2,3 chilometri (ma nelle grandi città si scende a 1,4 chilometri medi). Ciò significa che il monopattino non sostituisce l’automobile, come ci vorrebbe fare credere la martellante campagna di marketing delle società che si spartiscono la torta dei noleggi, ma piuttosto la bici, il mezzo pubblico. E, peggio ancora, la classica e salutare camminata. Il vero simbolo della mobilità sostenibile.

LEGGI ANCHE: Come si usa e come si guida il monopattino. Mai contromano, e senza fare gli acrobati

IL MONOPATTINO NON RIDUCE IL TRAFFICO E L’INQUINAMENTO

Il monopattino, dunque, non riduce il traffico, ma semmai crea qualche problema di circolazione. Uno studio realizzato a Tel Aviv, dove il sindaco Ron Huldai ha puntato molto sui monopattini, ha dimostrato proprio questo: chi lo usa, avrebbe scelto la bici, un autobus, oppure di andare a piedi. Non l’auto. Quanto all’inquinamento, il monopattino è una bomba ecologica. Una ricerca dell’Università della Carolina del Nord ha dimostrato che un monopattino produce, nel suo ciclo vitale, 202 grammi di C02. Molti più di una bici elettrica (40 grammi), di una bici tradizionale (8 grammi) e di un motorino elettrico (119 grammi). E molto più persino di un autobus a diesel con un numero elevato di passeggeri (82 grammi). Un altro studio in materia, questa volta realizzato a Parigi, ha calcolato che in un solo anno i monopattini condivisi hanno aggiunto 13 mila tonnellate di gas serra all’impronta ecologica della capitale francese. Altro che ridurre, il monopattino aumenta e genera inquinamento. E secondo uno studio condotto da Daniel Reck e Kay Axausen del Politecnico di Zurigo, un monopattino in sharing genera, per ogni chilometro percorso, 51 grammi di CO2 in più rispetto al mezzo che va a sostituire. “La conclusione è che i monopattini attualmente stanno danneggiando il clima” afferma perentorio Reck. E come dargli torto?

QUANTO PERICOLOSO È UN MONOPATTINO?

Il monopattino è un mezzo che non ha nulla a che vedere con la “mobilità gentile”. Di fatto è pericoloso. Lo dicono le statistiche. Soltanto nel 2021, secondo i dati dell’Istat, gli incidenti sono passati da 564 a 2.101 e i feriti da 518 a 1.980. Quadruplicati. I morti sono stati dieci, uno dei quali era un pedone (127 sono stati i pedoni investiti). Il Far West domina nell’uso (in)urbano del monopattino. E nonostante leggi nazionali e regolamenti comunali contraddittori ed a macchia di leopardo, i monopattini scorrazzano dappertutto a velocità spesso fuori controllo. In strada, sui marciapiedi, lungo le piste ciclabili. E ovunque possono fare danni, anche perché sono mezzi molto silenziosi. L’unico cambiamento reale, per tentare di ridurre i danni dei monopattini, in termini di rischi per tutti, è stato quello di introdurre norme per disciplinare la loro omologazione. I nuovi mezzi devono essere dotati di indicatori di direzione, luci di posizione, catarifrangenti, segnalatori acustici che emettano suoni udibili fino a 30 metri, freni che agiscano su entrambe le ruote. Basteranno queste regole a rendere più sicuri i monopattini? Difficile, molto difficile. Per il momento non passa giorno senza leggere di qualche grave incidente relativo a guidatori in monopattino.

PER APPROFONDIRE: Monopattini elettrici, tutti i vantaggi

MONOPATTNO E INQUINAMENTO

Nel fattore inquinante del monopattino bisogna aggiungere anche il cattivo uso che ne fanno gli utenti nelle città e l’assoluta mancanza di controlli da parte delle società che gestiscono il servizio. Domina ancora l’anarchia. Così ci ritroviamo con i monopattini abbandonati sui marciapiedi e nei giardini, o gettati in mezzo alla strada a rendere ancora più caotico il quadro del disordine urbano. Molto peggio di ciò che avviene con le biciclette e il car sharing.

IL MONOPATTNO È CARO

Con la sua ammiccante presentazione di mezzo di spostamento facile ed economico, il monopattino si presenta come un buon affare per gli utenti-consumatori. Non è vero. Una corsa in monopattino costa, in media, dai 3 ai 6 euro. E la tariffa base va dai 25 ai 50 centesimi al minuto. Se tenete presente il percorso medio, poco più di 2 chilometri (1,4 chilometri in città come Milano) la conclusione è ancora una volta dettata dalla legge dei numeri: il monopattino non costa molto meno di un taxi. Dove sta la convenienza?

LEGGI ANCHE: Roma Capitale del vandalismo. Con l’addio di oBike è l’unica in Europa senza bike sharing (foto e video)

CHI CI GUADAGNA CON I MONOPATTINI?

Gli unici che davvero guadagnano con i monopattini insostenibili sono le grandi società che gestiscono il servizio. Tutte con valori stratosferici, raggiunti nell’arco di pochi anni. E senza particolari investimenti. I noleggi nel 2021 sono stati 18 milioni, con tre città che guidano la classifica: Milano, Roma e Torino. A Milano siamo arrivati a oltre 7 mila noleggi al giorno, spartiti tra sei società del settore: Bird, Dot, Voi, Wind, Helbiz Italia, Lime. Sono loro che comandano e hanno deciso di promuovere il monopattino a simbolo truccato della nuova mobilità.

MUOVERSI IN MANIERA SOSTENIBILE: ALCUNI ESEMPI INTERESSANTI

  1. Come organizzare una vacanza in bicicletta
  2. Car sharing, come sfruttarlo con il massimo dei vantaggi. A farne uso in prima fila le donne
  3. SmartMooving: l’app per trovare il mezzo migliore per muoversi
Share

<