Questo sito contribuisce all'audience di

Ritorno alla campagna: 5.500 ettari in vendita. Una corsia privilegiata per i giovani che scommettono sulla terra

Un’occasione da non sprecare: da settembre si parte con vendite e affitti all’asta online. E sono pronti anche finanziamenti a tassi zero e sconti fiscali per gli affitti: l’agricoltura diventa più conveniente.

di Posted on
Condivisioni

RITORNO DEI GIOVANI ALLA TERRA – Una bella occasione per i giovani che vogliono scommettere sull’agricoltura. Dopo due lunghi anni di tira e molla, finalmente il governo ha sbloccato la vendita e l’affitto di 5.500 ettari di terreni (pari a circa 7mila campi di calcio) che andranno ai giovani che hanno già un’impresa agricola oppure a quelli che intendono avviarla. I suoli appartengono al Corpo forestale dello Stato e al Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura (Cra), dunque sono già nella disponibilità del governo e non serviranno altri passaggi burocratici.

LEGGI ANCHE: In tempi di crisi economica si torna a coltivare la terra. Boom di giovani agricoltoriRitorno dei giovani alla terra: 5.500 ettari di terreni in affitto o vendita

IL PROGETTO CAMPOLIBERO PER L’AFFITTO DEI SUOLI AGRICOLI – Come funzioneranno le vendite e gli affitti? Da settembre, una volta pubblicati gli elenchi dei terreni disponibili, si procederà con le cessioni attraverso aste online, con corsie preferenziali destinate agli under 40. Il provvedimento si abbina a un’altra mini-riforma approvata dal governo Renzi per avvicinare i giovani all’agricoltura: si tratta del progetto Campolibero, con il quale i ragazzi di età inferiore ai 35 anni possono ottenere mutui a tasso zero o detrazioni fiscali sugli affitti di suoli agricoli. Complessivamente, secondo i calcoli della Coldiretti, in Italia si potrebbero creare circa 100mila posti di lavoro nel settore della green economy in agricoltura. Forza, allora, speriamo che siano in tanti a non sprecare questa opportunità di crescita economica e di nuova occupazione. E speriamo che continui così la tendenza al ritorno alla campagna.

PER APPROFONDIRE: Contro la crisi si può scegliere di vivere in campagna, adesso costa anche meno

LEGGI ANCHE: