Questo sito contribuisce all'audience di

Agricoltura sostenibile con La Pampa Relais & Taste

Immersa in una tenuta di 14 ettari, la country house di La Pampa Relais & Taste nasce dal recupero di un vecchio casale ed è stata ridisegnata in armonia col paesaggio circostante, arredata con materiali naturali e di recupero. Ha un orto biologico dal quale si ricava il cibo da portare in tavola nel ristorante biologico e offre anche escursioni a cavallo e tanto altro ancora.

di Posted on
Condivisioni

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA – La Pampa Relais & Taste è una country house nel cuore dell’antico Sannio beneventano, alle pendici del Monte Taburno, in un’area naturale protetta. E’ un’azienda agricola biologica dove si coltivano legumi, ortaggi e frutta, e dove si promuove una cucina sostenibile, semplice, senza sprechi, ispirata ai principi di Regina Tchelly e della sua favela organica in Brasile.

LEGGI ANCHE: Cucina anti-spreco in Vaticano, le ricette con gli avanzi di Regina Tchelly e del progetto “Favela Organica”

COUNTRY HOUSE – Immersa in una tenuta di 14 ettari, la country house nasce dal recupero di un vecchio casale ed è stata ridisegnata in armonia col paesaggio circostante, arredata con materiali naturali e di recupero come i coppi d’argilla. Sette camere, tutte diverse nelle finiture e arredate con cura, portano i nomi degli antichi mestieri tipici dei borghi agricoli di questa parte della Campania come il Muratore,il Marinaio, lo Scaricatore, iContadino, il Fabbro. Viaggiatore e Pittore sono invece le 2 camere più ampie e con camino. La sala per la prima colazione ha una grande vetrata spalancata sul verde, un camino centrale per i pomeriggi d’inverno, tavole e seggiole di legno, colori chiari e dettagli d’atmosfera. Sul grande patio esterno si affacciano le cucine a vista dove i cuochi de La Pampa cucinano i prodotti dell’azienda e del territorio. L’azienda agricola, a regime biologico, è coltivata a uliveto, vigneto, orto ed alberi da frutta; si allevano maiali neri di razza casertana e polli ruspanti.

IL PASSATO CHE CONTA – Il progetto nasce per dare un’alternativa possibile ai modelli di alimentazione esasperati di oggi; nasce dal desiderio di recuperare la memoria storica di antichi mestieri e di coltivazioni dimenticate e varietà locali come il fagiolo tondino del Sannio, il fagiolo tipico di Prata ed ancora il cecio del beneventano. Un grande appezzamento di terreno, coltivato secondo il principio degli orti sinergici, a pochi passi dalla casa e dalle cucine, offre la possibilità di conoscere le biodiversità del territorio e i tempi dell’agricoltura non intensiva.

DALL’ORTO ALLA TAVOLA – E’ questa la filosofia. Da questi orti arrivano ogni giorno gli approvvigionamenti delle cucine de La Pampa. La cucina è semplice, genuina, nel rispetto delle stagioni e del territorio; il cibo è inteso come nutrizione e non come prospettiva edonistica.

LEGGI ANCHE: Cibo biologico in Italia, per i consumi +17% nei primi cinque mesi dell’anno

SERVIZI FORNITI – L’accoglienza a La Pampa prevede weekend benessere, itinerari alla scoperta del territorio, passeggiate naturalistiche a piedi o a cavallo, pacchetti di remise en forme con consulenza nutrizionale, weekend relax con massaggi ayurvedici e risveglio muscolare al mattino; weekend tematici anche per le famiglie dedicate alla scoperta dell’orto. Nella tenuta dimorano infine quattro cavalli, allevati con doma dolce, secondo il metodo Parelli: sono a disposizione degli ospiti per passeggiate nell’area del Taburno e per conoscere meglio questa metodologia che mette in stretta relazione l’uomo con il cavallo.

(L’immagine di copertina è tratta dalla pagina Facebook dell’azienda La Pampa Relais)

Il progetto è in concorso per l’edizione 2014 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!