Questo sito contribuisce all'audience di

Rhome for denCity: è italiana la casa del futuro ad alta efficienza energetica e contro gli sprechi

Un edificio studiato per la riqualificazione delle aree abusive di Tor Fiscale a Roma, in grado di far fronte alle sfide ambientali ed energetiche e affrontare la necessità di aumentare la densità urbana eliminando sprechi energetici, abusivismo e degrado e aumentando, allo stesso tempo, la coesione sociale.

di Posted on
Condivisioni

RHOME FOR DENCITY – Non abbiamo vinto i mondiali di calcio ma, grazie al progetto Rhome for denCity, il giovane team del Dipartimento di Architettura dell’Università Roma Tre ci ha permesso di aggiudicarci la vittoria in un campionato mondiale molto importante: quello dell’architettura sostenibile e dell’efficienza energetica.

RHOME FOR DENCITY: PRIMO POSTO AL SOLAR DECATHLON 2014 – Il team composto da più di 40 giovani, tra studenti e dottorandi, ha progettato e costruito una casa solare che ha permesso loro di sbaragliare la concorrenza di Germania, Cile e Olanda e conquistare il primo posto al Solar Decathlon 2014, l’olimpiade dell’architettura sostenibile, una competizione lanciata nel 2002 dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti e svoltasi quest’anno a Versailles dal 27 giugno al 12 luglio.

LEGGI ANCHE: Veluxlab, la prima casa a consumi zero in un campus universitario

LE CARATTERISTICHE DELLA CASA SOLARE RHOME FOR DENCITY – Innovazione e sostenibilità: queste le caratteristiche alla base di Rhome for denCity, un edificio studiato per la riqualificazione delle aree abusive di Tor Fiscale a Roma, in grado di far fronte alle sfide ambientali ed energetiche e affrontare la necessità di aumentare la densità urbana eliminando sprechi energetici, abusivismo e degrado, aumentando allo stesso tempo la coesione sociale.

Una struttura concepita in modo tale da consentire la possibilità di modificare l’alloggio a seconda delle diverse esigenze familiari, in grado di dosare l’ingresso della luce naturale utilizzando schermi ombreggianti fotovoltaici, dotata di una inerzia termica garantita da masse termiche naturali, caratterizzata da una ventilazione naturale ottenuta tramite aperture posizionate strategicamente per innescare una ventilazione incrociata e in grado di controllare il clima interno grazie alla pompa di calore HPSU Rotex prodotta da Daikin Italy, l’azienda leader nel settore della climatizzazione che ha sostenuto il progetto mettendo a disposizione della squadra tutto il proprio know-how con un gruppo di tre esperti che ha lavorato a stretto contatto con il team per tutta la durata del progetto. Il tutto in un appartamento di 76 metri quadrati.

L’EFFICIENZA ENERGETICA DELLA CASA SOLARE RHOME FOR DENCITY – Il bilancio energetico, gli strumenti di difesa passiva dalle temperature sia calde che fredde, le condizioni di comfort e il funzionamento della casa hanno pienamente convinto i giudici che hanno monitorato la struttura durante tutta la durata della competizione.

GLI ARREDI RECUPERATI DI RHOME FOR DENCITY – Ma non solo: a convincere la giuria ci hanno pensato anche gli arredi recuperati, la reversibilità degli spazi e la capacità del gruppo di lavoro di adattare la casa alle diverse condizioni climatiche.

Una struttura pensata per produrre più energia di quanto ne consuma e un piano di intervento replicabile in ogni contesto cittadino con problematiche simili a quelle della Capitale.

Ecco alcune immagini della speciale casa solare “Rhome for denCity”:

(Fonte immagini: Flickr)

E non perdetevi questo video attraverso il quale potrete osservare la costruzione della speciale casa solare:

PER SAPERNE DI PIU’: Bioedilizia, in Danimarca la casa vacanze costruita con le alghe