Questo sito contribuisce all'audience di

“Solar Share”: il progetto che permette ai cittadini di condividere l’energia prodotta dal sole

Tutti coloro che decidono di aderire a “Solar Share” possono riunirsi in cooperative energetiche e insieme acquistare in condivisione un impianto fotovoltaico e utilizzarne l’energia prodotta per tutto l'arco di vita dell'impianto stesso.

Condivisioni

CONDIVIDERE ENERGIA – Viviamo nell’era della condivisione: i viaggi in auto, le case per le vacanze, gli oggetti che non ci servono più e ora anche il fotovoltaico che, grazie a un’iniziativa di LifeGate, diventa social.

IL PROGETTO “SOLAR SHARE” DI LIFEGATE – Solar Share, così è stato denominato il progetto sviluppato in collaborazione con ForGreen e che permette ai cittadini di condividere l’energia pulita prodotta dal sole.

LEGGI ANCHE: Energia rinnovabile, in Germania un intero comune con eolico, solare e biogas

COME FUNZIONA IL PROGETTO “SOLAR SHARE” – Nello specifico, tutti coloro che decidono di aderire a “Solar Share”, possono riunirsi in cooperative energetiche e insieme acquistare in condivisione un impianto fotovoltaico già in funzione e utilizzarne l’energia prodotta. La quantità di energia a cui ogni socio potrà fare riferimento dipende dalle quote acquistate e tutti potranno condividere e utilizzare l’energia rinnovabile prodotta attraverso l’impianto fotovoltaico per tutto l’arco di vita dell’impianto stesso, in media 17 anni.

Un progetto importante non solo a livello ambientale ma anche per quanto riguarda il risparmio sui costi in bolletta.

LE COOPERATIVE ENERGETICHE NEL NOSTRO PAESE – Nel nostro Paese, come spiega il direttore generale di Lifegate, Stefano Corti, esistono già alcuni esempi virtuosi di piccole cooperative energetiche locali: sono i cittadini di una stessa città che si uniscono e acquistano impianti fotovoltaici presenti sul territorio.

LA COOPERATIVA ENERGETICA “ENERGYLAND” DI VERONA – Tra queste la Cooperativa Energyland di Verona di cui fanno parte circa 100 famiglie. Dal 29 luglio 2011 a oggi, la Cooperativa, come leggiamo sulla pagina web di Lifegate dedicata al progetto, ha prodotto oltre 3 milioni di chilowattora di energia rinnovabile.

Ed è proprio Energyland il modello di condivisione energetica scelto per sviluppare il progetto “Solar Share”, con il quale si offre a tutti la possibilità di condividere l’energia prodotta dal sole , senza limiti territoriali.

PER SAPERNE DI PIU’: Condominio risparmio energetico, a Lodi il palazzo che vende energia e non la spreca

LE COOPERATIVE ENERGETICHE IN EUROPA – Un modello quello della condivisione energetica già diffuso in altri paesi europei: ad esempio in Belgio la Cooperativa Ecopower conta oltre 45.000 soci, 26 MW di impianti installati e 95 milioni di chilowattora all’anno di energia verde prodotta.

In Germania invece sono oltre 80mila le famiglie riunite in cooperative per l’autoproduzione di energia rinnovabile.

Un progetto molto importante “Solar Share” che noi della redazione sosteniamo e che speriamo diventi presto un modello diffuso su tutto il nostro territorio.

PER APPROFONDIRE: A Roma il parco giochi fotovoltaico che si illumina da solo durante la notte

LEGGI ANCHE: