Questo sito contribuisce all'audience di

Così una ex docente di Sociologia in America ha creato la più grande rete per il recupero del cibo sprecato

La storia di Veronica Maz che lascia la cattedra, bussa alla porta dei vicini, ottiene 75 scodelle e 75 cucchiai e si dedica solo a raccogliere donazioni alimentari. Oggi la sua rete assiste migliaia di poveri e il suo ente si chiama “Così altri possono mangiare”.

Condivisioni

LOTTA AGLI SPRECHI ALIMENTARI – Una donna, un’eroina contro lo spreco alimentare: in oltre mezzo secolo di lavoro Veronica Sophie Maz, recentemente scomparsa, è riuscita a creare il più grande network americano contro lo spreco del cibo ed a favore delle mense dei poveri.

LEGGI ANCHE: Spreco di cibo, il decalogo per evitarlo

VERONICA MAZ E L’ASSOCIAZIONE SOME, SO OTHERS MAY EAT – Veronica era un’affermata docente di Sociologia a Washington, insegnava nei campus dove si forma l’establishment degli Stati Uniti e scoprì la povertà quasi per caso. Un giorno, all’ingresso del campus, trovò il corpo di un uomo, un barbone, sdraiato sul marciapiedi, e la sera dal telegiornale venne a sapere che era morto di fame. Da quel momento la Maz non si è più fermata nella sua battaglia contro lo spreco del cibo. Prima ha creato una mensa per i poveri, nel suo garage, recuperando 75 cucchiai e 75 scodelle regalate dai vicini. Poi ha iniziato a costruire la sua rete: molto semplice, con refettori sparsi in tutti i quartieri della capitale e alimentati dalle donazioni del cibo altrimenti destinato a finire nell’immondizia. E infine, dalla rete è nato l’ente, chiamato SOME – So Others Might Eat, “Così altri possono mangiare”.

PER SAPERNE DI PIU’: Il cibo che buttiamo via è come se lo avessimo rubato dalla mensa dei poveri (Papa Francesco)

UNA DONNA CHE HA PASSATO UNA VITA A COMBATTERE LO SPRECO ALIMENTARE: VERONICA MAZ – Forte anche dell’aiuto del comune che le ha concesso capannoni e appartamenti abbandonati per sistemare le sue mense, la rete della Maz è diventata gigantesca, con tre organizzazioni impegnate sul campo a garantire il recupero del cibo che arriva da tutte le zone di Washington. Dalle mense, dai ristoranti, dai supermercati, dai fast food: un pezzo di America si è schierato dalla parte della ex professoressa Maz. Contro lo spreco del cibo ed a favore della lotta alla povertà.

PER APPROFONDIRE: La povertà è ingiustizia e spreco

LEGGI ANCHE: