Come evitare lo spreco di cibo: alcuni suggerimenti utili - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Spreco di cibo: i consigli per evitarlo

Dalla lista per andare a fare la spesa al riciclo con la cucina degli avanzi. Quanto al frigorifero, attenzione a come lo usate

Gli sprechi di cibo, purtroppo, stanno aumentando. E in particolare quelli domestici, nelle nostre case e nelle nostre tavole, che valgono il 79 per cento del totale dello sperpero alimentare. Forse anche per effetto della pandemia e del maggiore tempo trascorso in casa, nel 2021, l’aumento dello spreco alimentare domestico è stato del 15 per cento rispetto al 2020.

SPRECO DEL CIBO IN ITALIA

Lo spreco domestico del cibo in Italia si racchiude in due dati. Il primo riguarda il peso dei prodotti alimentari buttati in quanto scaduti o avanzati o anche deteriorati: 595,3 grammi a settimana a persona. Una cifra enorme, se ci pensate, in quanto si traduce in più di 30 chili di cibo sprecato all’anno. Con una classifica che vede, per tipologia di prodotti, quest’ordine: frutta fresca, cipolle, aglio e patate, pane fresco, verdure e insalata.

LEGGI ANCHE: Come organizzare la dispensa in cucina, per evitare sprechi di tempo, soldi e cibo

DATI SPRECO ALIMENTARE IN ITALIA

Tra i dati dello spreco alimentare in Italia bisogna aggiungere anche altri elementi. Non c’è solo il costo del cibo comunque pagato, ma anche le spese per lo smaltimento di rifiuti eccessivi. Ogni italiano produce 65 chilogrammi di rifiuti alimentari all’anno: siamo 7 punti sopra la media europea, che non supera i 58 chilogrammi. E questo divario ha un costo in termini di catena dello smaltimento. Allo stesso tempo, sono gli stessi punti vendita della grande distribuzione che incentivano molto la spesa dei single, con dosi uniche e abbondanti, che genera maggiori sprechi. La percentuale in più di cibo gettato dai single, rispetto a quello scartato dalla famiglia media, è del 263 per cento.

COME EVITARE LO SPRECO DI CIBO

Lo spreco quotidiano del cibo, quello che più ci tocca da vicino, si annida nelle nostre cucine. Tutto inizia e finisce nel luogo sacro dei nostri menù casalinghi: inizia, nel senso che la prima fonte dello spreco è una spesa sbagliata, e finisce, in quanto il cibo che sprechiamo è quello che, scandalosamente, gettiamo nella spazzatura. Ancora perfettamente commestibile, ancora utile anche per qualche piatto del nostro menù.

LEGGI ANCHE: La magia del pallone per combattere gli sprechi, azzerare le distanze e superare le difficoltà

Per evitare lo spreco del cibo esistono, però, gesti semplici ed efficaci. Che dovrebbero diventare buone abitudini ed entrare così nei nostri stili di vita.

  • La spesa intelligente. Prima di andare al supermercato verificate quali alimenti sono terminati ed evitate di approfittare delle offerte speciali se temete che non riuscirete a consumare, prima della scadenza, i prodotti acquistati soprattutto se freschi, ad esempio carne, pesce, frutta e verdura.
  • Utilizzo strategico del frigorifero. Uno dei principali fattori di spreco alimentare è la scadenza dei cibi. A tal proposito, oltre a fare in modo intelligente la spesa, è fondamentale anche utilizzare qualche espediente per ricordarsi dei cibi che stanno per avvicinarsi alla data di scadenza. Un buon metodo è posizionarli nei reparti centrali del frigorifero, che sono i primi sui quali cade lo sguardo. Per le persone che hanno un buon rapporto con la tecnologia, ci sono app specifiche, come FrigOk, che consentono di essere avvertiti quando i cibi conservati stanno scadendo.
  • Il sottovuoto contro lo spreco. Nel caso non riusciate proprio a resistere agli acquisti compulsivi al supermercato, invogliati anche dalle miriadi di offerte, utilizzate una tecnica che vi aiuterà ad evitare inutili sprechi: il sottovuoto. Per sfruttarla si può usufruire dei servizi che ormai offrono numerosi supermercati, oppure mettersi in proprio acquistando il macchinario da tenere comodamente tenere in casa.
  • Utilizzo sapiente del congelatore. Un altro espediente molto utile è congelare il cibo fresco o gli avanzi prima che si rovinino, confezionandoli in piccole quantità.
  • Attenzione alla scadenza. Non tutti i cibi vanno a male nei giorni successivi alla scadenza. Per alcuni alimenti, infatti, il ritardo di 24/48 ore incide in bassissima parte sulla qualità del prodotto quindi non affrettatevi a gettarli nel cestino. Inoltre, molti cibi riportano la dicitura “da consumare preferibilmente entro”, che non ha niente a che vedere con la data di scadenza. In questi casi, superato il limite indicato, l’alimento non va a male ma semplicemente perde alcune caratteristiche di freschezza quindi buttarlo rappresenta uno spreco davvero inaccettabile.
  • Brutto ma buono. Non buttare via il cibo troppo maturo o ammaccato, può essere usato per fare dolci, frullati o zuppe.
  • Cucina degli avanzi. Un’altra fonte immensa di sprechi sono gli avanzi. Per evitare che finiscano nel cassonetto sbizzarritevi in nuove ricette riutilizzandoli. E se avete bisogno di qualche consiglio, fatevi un giro nella nostra sezione “La cucina degli avanzi”.
  • Il compostaggio. Se poi proprio non riuscite a salvare il cibo dalla scadenza, Trasformare gli avanzi in cibo per il nostro giardino attraverso il compostaggio.

COME NON SPRECARE I CIBI PIÙ USATI

Ogni cibo ha una sua particolare genesi, in termini di spreco. Questi sono i quattro più utilizzati e i modi con i quali si può evitare, per ciascuno di loro, lo scempio dello spreco.

  • Frutta. Gli errori che facciamo possono essere tre: un acquisto eccessivo, lo scarto per un solo segno di eccessiva maturazione, la cattiva conservazione (bisogna evitare le zone calde).
  • Insalata. Qualche macchia in più? Le foglie appassite? Un colore che in alcune parti tende al giallo? E allora, zac, l’insalata finisce nel secchio dell’immondizia. E magari è ancora ottima da mangiare.
  • Verdure. Non esiste cibo più adatto, in generale, per la cucina degli avanzi. Ovvero per riutilizzarlo. Le verdure avanzate, infatti, possono diventare tanti piatti, dal brodo vegetale agli sformati.
  • Pane. Anche il pane raffermo è un ingrediente ideale per fare torte, pangrattato (da utilizzare in altri piatti) e crostini. Tutto tranne che trasformarlo in spazzatura, come fanno purtroppo anche i panifici a fine giornata.

QUAL È IL CIBO PIÙ SPRECATO AL MONDO?

Lo spreco di cibo in tutto il mondo ha raggiunto la quota di 1.555 milioni di tonnellate all’anno. Questa è la classifica dei cibi più sprecati:

  • Frutta e verdura
  • Cereali
  • Radici e tuberi
  • Latte e derivati
  • Carne
  • Semi oleosi e legumi
  • Pesce

COME ELIMINARE GLI SPRECHI DI CIBO DURANTE GLI EVENTI:

Share

<