Questo sito contribuisce all'audience di

Frigoriferi solidali, la rete spagnola in tutto il paese. Nei quartieri chi ha cibo avanzato lo deposita, e chi ne ha bisogno lo ritira (foto)

Da Madrid a Barcellona: un progetto che riduce lo spreco del cibo e aiuta i volontari che organizzano le mense dei poveri. Tutto in automatico. Il format adottato anche nel Regno Unito e in Germania. Qualcuno ci farà un pensiero in Italia?

Condivisioni

FRIGORIFERI SOLIDALI IN SPAGNA

Il meccanismo è molto semplice. In un quartiere, un gruppo di residenti o un’associazione decidono di aprire una sottoscrizione per realizzare un frigorifero solidale. Ovvero, un vero e proprio frigo dove tutti i cittadini possono depositare cibo perfettamente commestibile (avanzato o prossimo alla scadenza) che poi i poveri, o anche associazioni che si occupano di assistenza ai poveri, ritirano.

Così in Spagna è nata una vera e propria rete, con decine di Frigorificos solidarios (frigoriferi solidali), che potete visitare presso questo sito. Il progetto si è andato espandendo in tutte le regioni del paese, dalla Catalogna alla Castiglia, da città di Madrid a quella di Valencia, dalla Galizia all’Andalusia.

LEGGI ANCHE: Frigoriferi solidali, a Bari ne hanno aperti sette. Che aspettiamo a farlo in tutta Italia?

VANTAGGI FRIGORIFERI SOLIDALI

I vantaggi di questa iniziativa sono due. Da un lato si contrae lo scandalo dello spreco di cibo, con una partecipazione attiva dei cittadini, dei consumatori e delle famiglie. Dall’altro si dona cibo alle mense dei poveri, dove non è mai sufficiente e dove scarseggiano i fondi pubblici a sostegno delle varie attività. Il frigorifero solidale, rispetto alle altre iniziative simili, fa un passo avanti, in quanto responsabilizza in modo diretto sia il donatore sia chi ne beneficia. Tutti si sentono coinvolti in prima persona.

FRIGORIFÍCOS SOLIDARIOS

In Spagna i “Frigoríficos solidarios” (Frigoriferi solidali) stanno ottenendo un enorme successo: migliaia di e i proprietari di ristoranti e supermercati lasciano gli alimenti rimasti invenduti o in eccedenza. È diventata una vera e propria abitudine di quartiere. Succede così che i frigoriferi si riempiono e si svuotano diverse volte al giorno. Anche se uno degli obiettivi principali è quello di fornire un aiuto alle persone povere, lo scopo dei frigoriferi solidali è anche ecologico, pertanto tutti possono accedere al frigo e prelevare ciò di cui hanno bisogno in modo che nessun alimento vada sprecato.

PER APPROFONDIRE: Lo scandalo dello spreco di cibo, tutta la verità in questo libro

FRIGORIFERO SOLIDALE GALDAKAO

In particolare, il frigorifero solidale di Galdakao, già nel corso delle prime 5 settimane dall’avvio del servizio, ha permesso di recuperare chilogrammi e chilogrammi di alimenti altrimenti destinati alla spazzatura. Gelati, torte, cibi pronti, bevande, yogurt: tutti gli alimenti sono forniti di data di scadenza e sono ottimi da mangiare.

Ci sono comunque alcune regole da rispettare: non è infatti possibile lasciare nel frigorifero pesce, carne e uova. I prodotti confezionati e le lattine devono riportare la data di scadenza e il cibo fatto in casa le indicazioni su quando è stato cucinato. I volontari inoltre, controllano periodicamente che il cibo sia in buone condizioni.

FRIGORIFERI SOLIDALI IN INGHILTERRA E IN GERMANIA

Il formato spagnolo, dopo il successo nel suo paese, è stato importato anche in altri paesi europei, come il Regno Unito e la Germania. Qualcuno ci vorrà fare un pensiero anche per l’Italia?

(Le immagini sono tratte dalle pagine Facebook “Nevera solidaria Murcia” – “Asociación Humanitaria Voluntarios de Galdakao” e Nevera Solidaria)