Questo sito contribuisce alla audience di

In Toscana il centralino per soccorrere gli animali domestici: sarà attivo 24 ore su 24

Un progetto importante che speriamo venga adottato presto in tante altre regioni italiane e un segno di grande civiltà.

In Toscana il centralino per soccorrere gli animali domestici: sarà attivo 24 ore su 24
Soccorso animali: in Toscana il numero unico attivo 24 ore su 24
di
Condivisioni

SOCCORSO ANIMALI: IN TOSCANA IL CENTRALINO -

Aumentano sempre di più le iniziative per aiutare gli animali domestici: l’ultima, in ordine di tempo arriva dalla Toscana dove è stata approvata una delibera che istituisce un numero unico regionale al quale segnalare gli incidenti che coinvolgono cani e gatti.

IL CENTRALINO PER AIUTARE CANI E GATTI -

La sperimentazione partirà a breve e prevederà un’applicazione progressiva su tutto il territorio regionale: fino alla fine del 2015 nella città di Firenze, dal 1 gennaio al 30 giugno 2016 in tutta l’azienda di Area vasta centro (Firenze, Empoli, Prato, Pistoia) e poi dal 1 luglio al 31 dicembre 2016 in tutta la regione.

IL NUMERO DEL CENTRALINO -

Il numero, non ancora individuato, nella fase iniziale del progetto sarà gestito dalla Polizia municipale di Firenze, successivamente dalla Asl fiorentina.

LEGGI ANCHE: Come aiutare gli animali abbandonati

IL NUMERO UNICO PER SOCCORRERE GLI ANIMALI DOMESTICI -

Un progetto importante che speriamo venga adottato presto in tante altre regioni italiane e un segno di grande civiltà come quello che, in molte regioni italiane tra cui proprio la Toscana, ha aperto le porte delle corsie degli ospedali anche a cani e gatti: un modo per aiutare i pazienti a superare prima la malattia.

COME FUNZIONA IL CENTRALINO -

Ma come funzionerà il centralino per prestare soccorso agli animali domestici? Sarà sufficiente chiamare il numero che verrà presto comunicato e che sarà attivo 24 ore su 24 per fare in modo che, sul posto in cui si è verificato l’incidente che ha coinvolto un animale, giunga subito un mezzo della Asl con un veterinario a bordo oppure un mezzo di un’associazione di volontariato. L’animale verrà così trasferito con tempestività presso un ambulatorio pubblico o privato in cui verrà curato.

I COSTI -

I proprietari degli animali soccorsi saranno tenuti a sostenere le spese di recupero, 85 euro per ciascun animale.

PER APPROFONDIRE: Cosa fare in caso di avvelenamento del cane, tutti i consigli utili

Ultime Notizie:

Test su emissioni auto, il grande bluff italiano

Test su emissioni auto, il grande bluff italiano

Dovevano essere mille, secondo l’annuncio in pompa magna televisiva del ministro Graziano Del Rio nel lontano 2015. In realtà ne sono stati fatti appena 25. Colpa della burocrazia, probabilmente, ma anche di ministri che fanno annunci e promesse. E poi non sanno come mantenerle.

continua »