Questo sito contribuisce all'audience di

Andiamo a letto con cani e gatti, ma poi ne abbandoniamo per strada circa 100mila

Siamo davvero un popolo bestiale. Un italiano su due dorme con il suo cane o con il suo gatto. Non ne possiamo fare a meno. E allora perché improvvisamente diventiamo così crudeli?

Condivisioni

DATI ANIMALI DOMESTICI IN ITALIA

Un italiano su due dorme con un cane o un gatto nel letto. Più di un compagno di vita: un compagno di giorno e di notte. Ma non per questo riusciamo a essere sempre generosi e non violenti con i nostri animali domestici.

Generosi e crudeli, bianchi e neri nei colori dell’anima, amorevoli e spietati: ecco la sintesi, come nell’oscurità di un romanzo di Fedor Dostoevskij, del rapporto degli italiani con gli animali domestici. Tutti, nessuno escluso. Siamo un popolo bestiale. Nel doppio senso letterale del termine: viviamo in compagnia, quasi in simbiosi, con le bestie, ma proprio con loro riusciamo a diventare brutali. Nelle nostre case si contano 60 milioni di animali domestici, più della metà delle famiglie hanno cani, gatti, pesciolini rossi, uccellini, tutti accuditi e coccolati, e poi appena arrivano le vacanze estive e natalizie, zac , con un colpo secco, abbandoniamo per strada 80mila gatti e 50mila cani. Eliminati.

LEGGI ANCHE: Elisir di lunga vita, cani e gatti ci fanno vivere più a lungo. E meno soli…

CANI E GATTI NELLE CASE DEGLI ITALIANI

La convivenza con un pet, per dirla con il gergo anglosassone universale, per gli italiani è molto più di una moda, di una tendenza da rotocalchi, da cinema per bambini e da universo virale del web: è uno stile di vita, condiviso fino all’ossessione e difeso, con il portafoglio aperto, anche in tempi di Grande Crisi, quando bisogna risparmiare su tutto. Dentro questa weltanshauung poggiata sulla stretta vicinanza con le bestie c’è sicuramente il residuo del nostro antico scheletro di comunità contadina, ma anche l’aggancio con una modernità dove si cerca qualsiasi appiglio per sfuggire al male oscuro della solitudine, dello stress, della depressione. Lo dimostrano le percentuali bulgare, tra l’80 e il 90 per cento, con le quali gli italiani, quando sono interpellati dai sondaggi che esplorano i motivi di un amore così appassionato, rispondono in coro che l’animale domestico porta in casa gioia, serenità, allegria. E perfino voglia di stare insieme, di tenere unita la famiglia, allontanando l’incubo dello stress e dell’ansia con cui ormai facciamo i conti quotidianamente. Il 92 per cento degli interpellati confessa, in modo esplicito che «non può più fare a meno» della compagnia di un animale domestico. D’altra parte, la letteratura scientifica non fa altro che confermare, con studi a prova di qualsiasi verifica, che cani e gatti in casa, per esempio, allungano la vita, come un elisir, specie delle persone anziane. Mentre in otto regioni italiane, dal Friuli Venezia Giulia alla Puglia, la pet-therapy è entrata stabilmente nei programmi sanitari, consentendo ai bambini, in particolare quelli affetti da gravi patologie, di curarsi in compagnia di un cucciolo o di un gattino. Il calore del pet,  trasportato da una casa a una corsia d’ospedale come se fosse l’ampolla con l’essenza di una medicina miracolosa, arriva a dare più possibilità a un bambino di vincere, o comunque di combattere fino in fondo, la sua battaglia, drammaticamente a rischio, contro un tumore o una forma rara di autismo.

SPESA PER ANIMALI DOMESTICI: I DATI

Tutti gli amori, anche i più limpidi e i più longevi, hanno il loro risvolto commerciale. E il mondo degli affari ha antenne sensibilissime piazzate attorno al sismografo dei nostri sentimenti, conosce la chimica che alimenta i consumi del popolo bestiale, pronto a non badare a spese fisse (da 50 a 300 euro mensili) e straordinarie (dalla polizza di assicurazione ai costi del veterinario) per mantenere un animale domestico. Risultato: il mercato dei prodotti per l’alimentazione di cani e gatti, dalle scatolette ai croccantini, in Italia ha sfondato il tetto dei 2 miliardi di euro l’anno, indifferente a qualsiasi recessione o stagnazione. Tra gli acquirenti più affezionati, all’incrocio tra affetti e quattrini, si segnalano i single, altra scelta di tendenza in un’Italia dove è diminuita la voglia, e la possibilità, di fare figli e famiglia. Il 65 per cento dei single vive in compagnia di un animale domestico, con una netta prevalenza dei gatti rispetto ai cani, e sono i primi consumatori nella lista dei prodotti per i pet.

ABBANDONO DEGLI ANIMALI IN ITALIA

Ma gli italiani sono diventati bestiali, come dicevo all’inizio, anche per la loro brutalità con gli animali. E qui dal paradiso dei migliori sentimenti, precipitiamo nell’inferno della più bieca crudeltà. Sulla carta, contro i maltrattamenti e gli abbandoni di animali domestici, come al solito, abbiamo tutto. Leggi e norme, multe e rischio di carcere, una gigantesca rete di volontari sul campo, enti e associazioni, utili e inutili. Ma alla fine siamo noi, soli di fronte a uno specchio, ad assumere le sembianze dei carnefici. Come si spiega questa metamorfosi e questo spreco di vite che diventano scarti, un atteggiamento che evoca le denuncia di Papa Francesco nell’enciclica Laudato sii ? Dove nasce la folle idea di farsi un pedicure con i pesciolini che ci massaggiano i polpastrelli (è la moda del fish pedicure)  o il gesto vigliacco di lasciare un cane o un gatto in mezzo alla strada? Fior di psicoanalisti parlano di un « improvviso bisogno di negare gli affetti», oppure della necessità di «esorcizzare l’angoscia di essere dipendenti dall’amore per una bestia». Sarà. Più prosaicamente, se andate a leggere le motivazioni di qualche persona che ha avuto il coraggio vigliacco di scaricare il proprio cane o il proprio gatto in mezzo a un’autostrada, scoprite giustificazioni di varia natura.  L’ho fatto perché costava troppo. Ero diventata allergica al suo pelo. Non me la sentivo di assistere agli ultimi anni della sua vita.  Sono stato trasferito per lavoro, e non ero in condizione di portarmi dietro né il cane né il gatto. Sarà. Forse più semplicemente il nostro ambiguo rapporto con gli animali domestici appartiene alla nostra natura da doppia identità: italiani brava e pessima gente. Tutto insieme, talvolta tutto nelle stesse persone.

COME RISPARMIARE CON LA CURA DEGLI ANIMALI DOMESTICI: