Questo sito contribuisce all'audience di

Burlington, nel Vermont, la città alimentata solo da fonti rinnovabili

L’obiettivo è stato raggiunto attraverso l’acquisto di una centrale idroelettrica da 7,4 megawatt, impianti eolici e una centrale a biomassa che ricicla gli scarti della lavorazione del legno per produrre elettricità.

Condivisioni

ENERGIE RINNOVABILI NEGLI STATI UNITI – Non solo Feldheim e Wildpoldsried in Germania e Kisielice in Polonia, oggi ci spostiamo addirittura negli Stati Uniti e precisamente nel Vermont per parlarvi di Burlington, la prima città negli Usa a produrre elettricità 100 per cento rinnovabile grazie a idroelettrico, eolico e biomassa.

LEGGI ANCHE: Il sogno di New York, diventare una metropoli alimentata solo da rinnovabili

ENERGIA PULITA A BURLINGTON NEL VERMONT – L’obiettivo è stato infatti raggiunto attraverso l’acquisto di una centrale idroelettrica da 7,4 megawatt sul fiume Winooski in grado di fornire ai 42mila cittadini un terzo dell’energia richiesta. La restante quota energetica viene prelevata invece per un terzo da impianti eolici e per un terzo da una centrale a biomassa che ricicla gli scarti della lavorazione del legno per produrre elettricità.

E una volta soddisfatti i fabbisogni energetici della comunità, l’energia in più viene rimessa in rete e venduta.

Una dimostrazione concreta, il caso di Burlington, che è possibile ottenere risultati importanti lungo la via della sostenibilità non solo nei piccoli centri ma anche in città più estese e una buona pratica che fa parte di un movimento più ampio che si pone l’obiettivo di raggiungere, entro il 2050, il 90 per cento di energia da fonti rinnovabili a livello statale.

PER APPROFONDIRE: Bornholm, l’isola che non spreca energia