Questo sito contribuisce all'audience di

Wildpoldsried: in Germania il villaggio più ecologico del mondo

Wildpoldsried produce da sé il 500 per cento del proprio fabbisogno di elettricità ed, entro il 2020, conta di ricavare il totale dell’energia solo da fonti rinnovabili.

di Posted on
Condivisioni

GERMANIA ED ENERGIE RINNOVABILI – Ricordate il caso di Feldheim, un piccolo centro situato a circa 90 chilometri a sud da Berlino, interamente alimentato da fonti rinnovabili e completamente autonomo rispetto alla rete elettrica nazionale? Un esempio importante ma non l’unico in Germania: nel cuore della bella regione bavarese dell’Algovia (Allgäu), c’è un altro paesino di soli 2500 abitanti, Wildpoldsried, talmente all’avanguardia dal punto di vista dell’energia pulita e della bioedilizia, da essere definito come “il villaggio più ecologico del mondo”.

LEGGI ANCHE: In Calabria il paese in cui i cittadini, grazie al fotovoltaico, non pagheranno la Tasi

WILDPOLDSRIED, IL PAESE PIU’ ECOLOGICO DEL MONDO – Un vero e proprio modello di sostenibilità Wildpoldsried: produce da sé il 500 per cento del proprio fabbisogno di elettricità ed, entro il 2020, si impegna a ricavare il totale dell’energia unicamente da fonti rinnovabili.

Da ormai ben 15 anni, grazie agli incentivi statali, gli abitanti di Wildpoldsried hanno costruito abitazioni in legno, hanno edificato case passive e hanno installato sui tetti i pannelli solari. Ma non solo: grazie alla realizzazione di impianti fotovoltaici, idroelettrici, eolici e di biomasse, il paesino è in grado di vendere energia elettrica all’esterno.

(Le immagini della gallery sono tratte dalla pagina Facebook di Wildpoldsried)

I RISULTATI RAGGIUNTI DA  WILDPOLDSRIED – Una vera e propria rivoluzione verde che, non solo ha permesso agli abitanti di usufruire di fonti non inquinanti ma ha anche procurato loro un certo guadagno sui costi del consumo energetico e ha favorito le casse del comune.

L’obiettivo per il futuro di Wildpoldsried, da raggiungere entro il 2020, è ora quello di continuare a mantenere la produzione di energia in surplus rispetto al fabbisogno, ridurre le emissioni di CO2 e far decollare il piano per la bioedilizia che rimborsa 15 euro per ogni metro quadro costruito con i principi delle case passive.

I risultati raggiunti da questo piccolo paesino dimostrano quindi che investire sulla sostenibilità conviene: non solo per la salute dell’ambiente e dei cittadini ma anche perché comporta innumerevoli vantaggi sociali ed economici.

PER SAPERNE DI PIU’: Bornholm, nel mar Baltico l’isola che non spreca energia