Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

I pensionati puniti per le parolacce durante la partita a tressette. Diventiamo severi con le persone sbagliate…

A Frascati un gruppo di vecchietti non potranno più giocare a carte nel loro circolo. Dicevano troppe imprecazioni. Ma intanto accettiamo il turpiloquio a casa e a scuola.

Condivisioni

PAROLACCE NEL LINGUAGGIO COMUNE

Sembrava una banale notizia di cronaca locale, e invece è diventata un caso nazionale. Gli anziani di un Centro sociale di Frascati sono stati severamente puniti e non potranno più giocare a scopa, a tressette, a briscola. il motivo? L’uso di parolacce, e in qualche caso anche di bestemmie, durante le loro partitine pomeridiane.

Il caso di Frascati, rilanciato da un piccolo sito web di informazione locale, Il Manilio, è giustamente diventato una notizia nazionale per l’assoluta sproporzione tra la colpa dei poveri pensionati frascatani e la punizione assegnata.

LEGGI ANCHE: Chi salverà l’italiano? Stiamo distruggendo e sprecando la nostra lingua nazionale

IL CASO DEL CENTRO ANZIANI DI FRASCATI

Di fronte a questi arzilli anziani di paese, che hanno un solo passatempo: le carte, scopriamo un puritanesimo del linguaggio, della parola scritta e parlata, che ignoriamo completamente nelle nostre case. Un tipico comportamento da forti con i deboli, e deboli con i forti.

A casa volano parolacce, e nessuno fiata, figli e nipoti smanettano h24 e si scambiano qualsiasi tipo di insulti con le loro tribù virtuali, e voltiamo lo sguardo dall’altra parte. È la modernità, e dobbiamo ingoiarla.

Per non parlare di quello che avviene a scuola, dove una sottocultura dei diritti viene interpretata nei modi più beceri, dalle famiglie prima ancora che dagli alunni. L’insegnante non dico severo, ma semplicemente rigoroso, viene insultato e picchiato. Il voto non condiviso in famiglia viene trascinato davanti al Tar per essere ribaltato.

PER APPROFONDIRE: Ma non siete stufi dell’insulto? Sono parole sprecate, che ci squalificano

PERCHÉ LA SANZIONE CONTRO I VECCHIETTI È INGIUSTA

È in questo clima, in questa atmosfera di turpiloquio e di insulti a raffica, che la sanzione contro i vecchietti di Frascati diventa ridicola prima ancora che ingiusta. Un modo davvero singolare per colpire chi non può difendersi. Quegli anziani, quei nonni, che sono diventati centrali nelle nostre vita, ci vanno bene fino a quando tirano fuori i soldi per figli e nipoti, o quando fanno i badanti nelle nostre case. Ma li stanghiamo appena si permettono di tirare fuori una parolaccia durante una partita a tressette.

COSÌ I NONNI MIGLIORANO LA NOSTRA VITA: