Questo sito contribuisce all'audience di

Girasoli giganti, con colori meravigliosi. L’orto dei miracoli di due pensionati (foto)

A Fogliano Redipuglia i record di una coltivazione tutta biologica. Girasoli alti quattro metri, zucche di 40 chilogrammi e carciofi di due metri. Tutto senza l’utilizzo di prodotti chimici. Oreste e sua moglie Laura non hanno un segreto particolare, anche se in effetti una spiegazione ci potrebbe essere.

Girasoli giganti, con colori meravigliosi. L'orto dei miracoli di due pensionati (foto)
di
Condivisioni

IL SEGRETO PER PIANTE GIGANTI

Un orto super, da Guinnes dei primati, grazie a due pensionati che riescono a coltivare piante meravigliose, e con risultati sorprendenti, senza sprecare nulla e senza l’uso di prodotti chimici. Girasoli alti come un palazzo di un piano e zucche che pesano come un bambino di dieci anni. E il tutto quasi senza volerlo. Si tratta del giardino dei miracoli dei signori Giacovaz, due arzilli pensionati di Fogliano Redipuglia, in provincia di Gorizia, che da qualche anno sono diventati una delle attrazioni del piccolo paese. Nel loro orto, infatti, crescono piante incredibili, completamente biologiche, che arrivano a grandezze da record senza “l’aiuto” dopante di prodotti chimici.

LEGGI ANCHE: Cosa coltivare nell’orto di casa, tutti i consigli per i principianti. A partire dagli ortaggi da scegliere (Foto)

GIRASOLI FOGLIANO REDIPUGLIA

Ma questi straordinari risultati non sono stati particolarmente ricercati. Tutto nasce, infatti, qualche tempo fa, quando la signora Laura per dare da mangiare agli uccellini che custodisce in una gabbietta in giardino, ha fatto cadere inavvertitamente qualche seme che doveva servire da mangime. Dopo solo qualche settimana uno di quei semi finiti per caso sul piccolo lembo di terra davanti la casa ha cominciato a crescere in maniera inarrestabile dando vita a un girasole alto addirittura 4 metri e 17 centimetri. Per rendere l’idea della straordinarietà dell’evento basti pensare che l’attuale record italiano è fermo a 3 metri. Il girasole però non è l’unica pianta che ha gradito la terra di Laura e suo marito Oreste. Nei mesi successivi sono cominciati a spuntare come funghi zucche da 40 chilogrammi, carciofi alti due metri e zucchine giganti.

PIANTE GIGANTI

Apparentemente dietro alla crescita incredibile di queste piante non c’è nessun segreto ma il signor Oreste è convinto che ci sia un elemento che ha reso particolarmente fertile il suo giardino. I coniugi Giacovaz sono di origine istriana e si sono conosciuti in un campo profughi a Brescia, nel lontano 1959. Dopo questa parentesi in esilio, sono tornati nei luoghi in cui sono cresciuti e hanno comprato casa in questo piccolo comune a pochi chilometri dal confine con la Slovenia. Questa terra ha segnato la storia d’Italia e nel recente passato è stata il teatro di numerose battaglie, tanto che la provincia di Gorizia ospita il Sacrario di Redipuglia, il più grande cimitero militare italiano, dove sono seppelliti 100 mila soldati caduti durante la Grande Guerra. E proprio questo passato nasconderebbe il segreto delle piante del giardino dei miracoli. Secondo Oreste, infatti, dove adesso sorge casa sua durante la prima Guerra mondiale ci sarebbe stato un ospedale militare e i soldati che morivano venivano sepolti nei dintorni. La fertilità del suo orto quindi sarebbe dovuta alle ossa dei militari deceduti. Un’ipotesi che non ha riscontri scientifici ma di cui il pensionato è convinto. La curiosità è che, però, le piante giganti crescono solo nel suo giardino perché in quello dei vicini, utilizzando gli stessi semi, le dimensioni rimangono nella norma. Che non si tratti davvero di pollice verde?

Le foto sono tratte da Il Piccolo

COME COLTIVARE:

Ultime Notizie:

Edizioni Precarie, il progetto che recupera le tradizioni artigianali siciliane e combatte gli sprechi

Edizioni Precarie, il progetto che recupera le tradizioni artigianali siciliane e combatte gli sprechi

Le carte alimentari da imballaggio utilizzate dai venditori dei mercati Ballarò, Vucciria e Il Capo, si trasformano in originali quaderni e carte da scrittura: un modo per portare avanti la tradizione di questi luoghi così importanti e, allo stesso tempo, combattere lo spreco di questo materiale, spesso gettato via perché vecchio o rovinato o semplicemente perché già utilizzato.

continua »