Questo sito contribuisce all'audience di

Piante-scultura (foto), vere opere d’arte nate naturalmente per sopravvivere

Dove c’è siccità, le piante allungano e rafforzano le radici. Creano foglie in grado di assorbire l’acqua piovana. Oppure formano una sorta di cambusa per conservare l’acqua per i tempi difficili.

Condivisioni

PIANTE SCULTURA –

La natura è anche una lotta per la sopravvivenza. E le piante si adeguano. Diventano così autentiche sculture, per dimensioni e per forme, nello sforzo genetico di adattarsi all’ambiente dove vivono.

LEGGI ANCHE: Le piante sanno contare, e lo fanno per difendersi

QUALI SONO LE PIANTE SCULTURA –

Le tillandsie xerofile, per esempio, hanno foglie ricche di tricomi, ovvero minuscoli organi capaci di assorbire l’acqua e i sali minerali disciolti nell’aria, così da non avere bisogno di radici. Altre specie, invece, sviluppano radici profondissime (oltre i 10 metri) e lunghissime (anche 30 metri) per scovare ogni minima traccia di acqua nei terreni sabbiosi e desertici.

Le caudiciformi, un tipo di piante per le quali in Italia ci sono diversi collezionisti, sono dotate di un organo speciale, il “caudex o caudice”, in grado di immagazzinare acqua e sostanze nutritive e di conservarle per i tempi difficili. E questa sorta di cambusa della pianta le consente poi di avere la forma di una scultura.

Ogni “caudex” è unico per forma e dimensioni: non ne esistono due uguali. Tanto è vero che, secondo i botanici, le piante caudiciformi sono un raggruppamento di specie eterogenee, appartenenti a una cinquantina di famiglie e provenienti da diversi continenti. L’unica cosa che le accomuna è l’identica strategia per sopravvivere alla siccità.

PER APPROFONDIRE: L’intelligenza delle piante, così pensano e si difendono dall’inquinamento