Questo sito contribuisce all'audience di

Le piante sanno contare. E lo fanno per proteggersi

La sensazionale scoperta di un gruppo di ricercatori di un'università tedesca. Una conferma dell'intelligenza del mondo vegetale, che ricorda molto la capacità di sopravvivenza dell'uomo.

di Posted on
Condivisioni

PIANTE SANNO CONTARE –

L’esperimento è stato fatto sulla Dionea. E il risultato è davvero straordinario: le piante sanno contare. Un gruppo di ricercatori dell’università di Wurzburg, in Germania, ha esaminato a lungo i comportamenti della Dionea per poi pubblicarli sulla rivista Current Biology.

LEGGI ANCHE: L’intelligenza delle piante, così pensano e si difendono dall’inquinamento

L’ESPERIMENTO SULLA DIONEA –

Dove sta la parte sensazionale dello studio? Sulla base di un meccanismo chimico le piante sono in grado di riconoscere un numero superiore all’altro: contano, appunto. E questo per un motivo di naturale sopravvivenza e autodifesa.

In pratica la pianta riconosce un primo “tocco” da parte del nemico, che considera anche casuale, per esempio per un colpo di vento o un movimento dell’aria, e lo distingue in modo netto da un secondo “tocco”, a quel punto da parte di chi vuole distruggerla. Al secondo tocco, riconosciuto sulla base di una tabellina numerica, la pianta riesce a difendersi e, per esempio, chiude i propri fiori.

DIONEA PIANTA CARNIVORA –

Ricordiamo che la Dionea è una pianta carnivora, alta tra i 10 e 15 centimetri con fiorellini bianchi e poco appariscenti. Ne esistono in natura almeno 3mila esemplari, riconoscibili per il fogliame cresciuto a livello del terreno alla base dello stelo del fiore.

PIANTE INTELLIGENTI –

Non è la prima volta che gli scienziati fanno scoperte piuttosto sensazionali a proposito dell’intelligenza delle piante. Già qualche tempo fa, i ricercatori del John Imnes Center di Norwich, nel Regno Unito, avevano rintracciato la capacità numerica delle piante per regolare le loro riserve energetiche durante le ore del buio, prima che arrivi la luce del giorno. Un meccanismo, anche questo, destinato a garantire benessere e sopravvivenza con una capacità analitica dei fenomeni.

A ben guardare queste ricerche altro non fanno che confermare il vero miracolo della natura. Ovvero l’intelligenza delle piante, degli alberi, come degli animali e poi degli uomini, di garantire la continuità della specie. Anche quando il nemico, potenziale assassino, è dietro l’angolo.

PER APPROFONDIRE: Come combattere l’inquinamento domestico con le piante giuste

LEGGI ANCHE: