Questo sito contribuisce all'audience di

Studenti a lezione di sostenibilità: la sezione “Scuole” del Premio Non sprecare

Ideato dal direttore di Non Sprecare Antonio Galdo, il Premio, giunto quest’anno alla sua quinta edizione, prevede una sezione dedicata alle “Scuole” in cui possono candidarsi gruppi di studenti e classi di ogni ordine e grado che abbiamo ideato, promosso e realizzato, nel corso dell’anno decorrente, utili iniziative anti-spreco.

di Posted on
Condivisioni

PROGETTI ECOSOSTENIBILI SCUOLA – Dagli orti didattici al recupero del cibo avanzato in mensa, sono tante le iniziative portate avanti nelle scuole italiane per insegnare a bambini e adolescenti il valore e l’importanza del rispetto dell’ambiente in cui viviamo.

Le nuove generazioni rappresentano infatti il nostro futuro ed è da loro che bisogna partire per rendere il nostro pianeta un posto migliore in cui vivere.

LEGGI ANCHE: Alla scoperta dell’Italia sostenibile, ecco cos’è e come partecipare al “Premio Non sprecare”

LE BUONE PRATICHE DI ALCUNI ISTITUTI SCOLASTICI ITALIANI – Vi abbiamo parlato della scuola primaria di Caselle in Pittari in provincia di Salerno, in cui i bambini non solo coltivano l’orto ma fanno anche merenda con pane e olio e altri alimenti sani, del progetto portato avanti in alcune scuole di Milano dove i pasti in eccedenza nelle mense scolastiche non si sprecano ma vengono donati ai poveri o alle persone con difficoltà economiche e della scuola di Caltanissetta in cui i genitori, per far fronte ai tagli al servizio di trasporto degli studenti, hanno trovato una soluzione economica e a impatto zero: rifornire lo scuolabus con biodiesel prodotto attraverso il recupero degli oli esausti delle fritture casalinghe.

Tante belle iniziative e buone pratiche, fondamentali per insegnare ai piccoli quanto sia importante il recupero dei materiali e la lotta agli sprechi.

LA SEZIONE “SCUOLE” DEL PREMIO NON SPRECARE – Stili di vita responsabili che Non sprecare ha deciso di riconoscere e valorizzare attraverso il Premio Non sprecare, ideato dal direttore di Non sprecare Antonio Galdo e giunto quest’anno alla sua quinta edizione.Progetti ecosostenibili scuola: Premio Non sprecare 2014

Il Premio prevede infatti una sezione dedicata alle “Scuole” in cui possono candidarsi gruppi di studenti e classi di ogni ordine e grado che abbiamo ideato, promosso e realizzato, nel corso dell’anno decorrente, utili iniziative anti-spreco.

IL PREMIO NON SPRECARE 2013 PER LA SEZIONE “SCUOLE” – Lo scorso anno, il “Premio Non sprecare 2013” per la categorie “Scuole” è stato assegnato all’Istituto comprensivo Maddalena-Bertani di Genova, rappresentato dal professore Antonio Piano che, insieme ad altri docenti, si è impegnato nel trasmettere agli studenti la cultura del “non-spreco” tra le attività formative dell’intero Istituto.

Se anche la vostra scuola si è distinta per aver messo in pratica un’idea sostenibile, non esitate a inviarci la vostra candidatura.

LE SEZIONI DEL PREMIO NON SPRECARE – Oltre alla sezione “Scuole”, il Premio prevede anche le categorie: Personaggio – Aziende – Istituzioni – Associazioni. E per la prima volta quest’anno, il Premio prevede anche una categoria “Giovani”, rivolta a singoli individui o gruppi di persone, di età non superiore ai trent’anni, che presentino idee innovative per possibili start-up future o potenziali iniziative sociali che incarnino al meglio lo spirito del Premio.

PER SAPERNE DI PIU’: I progetti in concorso per l’edizione 2014 del Premio Non sprecare

LA CERIMONIA DI CONSEGNA DEL PREMIO NON SPRECARE 2014 – Sarà la LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali), uno degli atenei più “green” d’Italia, a ospitare il 26 novembre 2014 la consegna del Premio Non sprecare.

Oltre che della partnership con la LUISS “Guido Carli”, l’iniziativa si avvale di importanti collaborazioni con altre realtà di prestigio quali: il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la FAO–Save Food Initiative, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), la RAI Radio1, l’Università “La Sapienza” di Roma, il Gruppo editoriale Banzai, e la Fondazione Catalano.

COME CONCORRERE AL PREMIO NON SPRECARE 2014 – Candidarsi al Premio è semplice: basta inviare una mail all’indirizzo nonsprecarepremio@gmail.com allegando in pdf il modulo qui riportato con le più importanti notizie sulla candidatura. Le proposte dovranno pervenire entro la data ultima del 15 Ottobre 2014.

Oltre alla possibilità di presentare i propri progetti ad un pubblico ampio, competente e interessato, i vincitori verranno premiati, in linea con la filosofia del Premio, con un quantitativo di prodotti biologici pari al proprio peso corporeo.

Per ulteriori informazioni, visitate la sezione dedicata al Premio.

PER APPROFONDIRE: Premio Non Sprecare, i vincitori dell’edizione 2013