Questo sito contribuisce all'audience di

L’ ex Alitalia degli sprechi: 60 sedi all’ estero da chiudere

di Posted on
Condivisioni

Immagina se stesso, Augusto Fantozzi, nei panni di Fausto Coppi sullo Stelvio. Ma a differenza del Campionissimo il commissario di quella che fu l’ Alitalia non alza mai la testa dal manubrio. Condannato a pedalare e basta, ripete tutti i giorni ai suoi collaboratori. La salita e’ ripida e a ogni tornante c’ e’ una sorpresa. Un nuovo creditore, o una rogna che nessuno poteva prevedere. Per esempio quella, pazzesca, con cui Fantozzi e’ alle prese adesso: le sedi dell’ ex Alitalia all’ estero. Sapete quante? Sessanta. Tante erano ai tempi d’ oro, per intenderci quando (fino a poco tempo fa) all’ aeroporto londinese di Heathrow la compagnia di bandiera italiana stipendiava 300 (trecento) persone, e tante sono rimaste dopo, quando le destinazioni internazionali dell’ Alitalia si erano ridotte a una sparuta quindicina. Magari ci sara’ una spiegazione. Ma che questo possa essere considerato accettabile, no davvero. Soprattutto considerando i costi assurdi che ancora adesso gravano sulla liquidazione della compagnia di bandiera.

C’ era una sede in Libia, chiusa giovedi’ scorso. Una in Senegal. Addirittura due in India: a Mumbai e Nuova Delhi. E via cosi’. Abbassare la serranda di quegli uffici e’ complicatissimo, come sta sperimentando Fantozzi. Si deve liquidare il personale, battagliare con i sindacati, risolvere le grane con il fisco locale. Ma non e’ soltanto per questo che l’ Alitalia ha continuato a far correre per anni gli stipendi, i conti dell’ albergo, i bonifici ai fornitori. Talvolta si e’ giustificato il mantenimento in vita di quelle costose strutture con la necessita’ di conservare gli slot, cioe’ i diritti di decollo e atterraggio: per una rotta abolita! In altri casi e’ stata solo inerzia. Costosissima inerzia. Prendiamo la sede di Hong Kong, dove l’ Alitalia non vola piu’ da tempo, e dal 2008 ha soppresso anche i collegamenti cargo. Quindici dipendenti e un conto di 1.200 dollari al giorno per il lussuoso hotel Hyatt. Per ironia della sorte, la filiale di Hong Kong dell’ Alitalia, cioe’ una compagnia aerea fallita, aveva 7 milioni e mezzo di euro, liquidi. Erano depositati in una banca locale. Un tesoretto che a quanto pare c’ e’ anche in Brasile, Argentina, Venezuela e chissa’ in quanti altri posti. Fantozzi e i suoi hanno calcolato che nelle banche in giro per il mondo l’ Alitalia abbia depositi per molti milioni di euro. Quanti? Decine. Forse una cinquantina. Non saranno la soluzione, ma perche’ lasciarli li’? Soprattutto, perche’ non fermare al piu’ presto l’ emorragia degli uffici esteri? Tanto piu’ che ogni euro speso per mandare avanti quelle baracche e’ un euro sottratto ai creditori. Nessuno e’ in grado di dire quale sia esattamente il loro numero. Ma non sono meno di 23 mila, compresi i dipendenti che devono avere circa 205 milioni di liquidazioni.

Di conseguenza, non si puo’ sapere con precisione quanti soldi servano per pagarli. Unica certezza: i debiti con migliaia di fornitori accumulati dall’ Alitalia prima del commissariamento, il 29 agosto 2008, saranno gli ultimi a essere onorati. Se ci saranno ancora soldi. la dura legge delle liquidazioni. Prima si paga la prededuzione, cioe’ i costi della liquidazione e gli impegni contratti dai liquidatori dopo il commissariamento. Poi i dipendenti. Quindi gli enti di previdenza, gli avvocati e i consulenti. In fondo, gli altri. Cioe’ i fornitori ante 29 agosto. E lo Stato, verso cui l’ Alitalia in liquidazione ha un debito di 300 milioni: il prestito ponte concesso per evitare il fallimento dopo che era saltata la trattativa con Air France. Che a questo punto sarebbe forse meglio chiamare regalo ponte. A complicare ulteriormente le cose c’ e’ la prospettiva di un contenzioso immane. Dalle piccole cause di lavoro dei dipendenti (molti anche obbligazionisti) alle controversie internazionali. Un assaggio? L’ Alitalia si era coperta dal rischio di cambio sul prezzo del petrolio con derivati del Credit Suisse. Al commissariamento, la banca ha esercitato il diritto di recesso incamerando 50 milioni. Almeno 7, sostiene Fantozzi, non dovuti. Cosi’ inevitabilmente si e’ arrivati alle carte bollate. La fotografia degli sfortunati creditori scattata il 29 agosto 2008 e’ la sconcertante premessa di una liquidazione destinata a battere ogni record di durata. Roba da far impallidire la procedura dell’ Itavia, compagnia del Dc9 abbattuto nel 1980 sui cieli di Ustica: iniziata nel 1981, ventotto anni dopo e’ ancora aperta. Per la gioia di avvocati e consulenti. I pochi che in queste situazioni guadagnano davvero.

La lista dei vecchi fornitori che vantano soldi e’ tanto sterminata quanto (pare) incompleta. Al punto che balla pure la cifra totale: 320 milioni? 350? O 400? Boh. Ci sono societa’ aeroportuali (gli Aeroporti di Roma hanno pendenze per una quarantina di milioni), compagnie petrolifere, albergatori. Autonoleggi, ristoranti, bar degli aeroporti, editori: dal Financial times (39.091 euro) al gruppo l’ Espresso (667.567), alla Rcs quotidiani che edita il Corriere (293.333), al Messaggero (15.069). Poi Telecom Italia, con 3,5 milioni di bollette arretrate. Ma anche le autorita’ aeroportuali di mezzo mondo. La Coca Cola (574.505 euro). Il profumiere Yves Saint Laurent (14.605 euro). Non manca nemmeno Peccati di Capri, la piccola ditta napoletana che forniva i cioccolatini di benvenuto ai passeggeri (3.852 euro). E neppure la Ince 2002 srl, societa’ alla quale venne affidato durante la gestione di Giancarlo Cimoli il restyling della rivista di bordo, Ulisse 2000, e che era posseduta al 50% dall’ attore Pino Insegno. Credito: 77.259 euro. E 60 centesimi.