Cosa serve veramente a un neonato? Scopriamolo insieme - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Cosa serve veramente a un neonato? Consigli per accogliere un bebè felice senza sprechi

Cosa serve veramente a un neonato? Cosa acquistare in serenità, senza spendere un occhio della testa, per il futuro bebè in arrivo senza farsi mancare nulla? Tutti i consigli per accogliere il neonato senza sprechi

Condivisioni

COSA SERVE VERAMENTE A UN NEONATO? Quando una coppia di innamorati si accorge di aspettare un bambino ecco che si pone la fatidica domanda: “cosa occorrerà al bambino in arrivo?” Sul web si trovano milioni di modelli di carrozzine, passeggini, lettini, culle, biberon, abbigliamento e ciucci e fare chiarezza sulle reali esigenze di un neonato non è sempre facile. Nei negozi specializzati le commesse consigliano di acquistare oggetti che, la maggior parte delle volte, non sono realmente utili. Ecco quindi cosa acquistare in serenità, senza spendere un occhio della testa, per accogliere il bebè in arrivo senza farsi mancare nulla.

LEGGI ANCHE: Giocare in maniera naturale – come fare le bolle di sapone

COSA SERVE VERAMENTE A UN NEONATO? Il trio Una delle prime cose che viene consigliata ad una coppia di futuri genitori è il trio composto da passeggino, seggiolino auto e carrozzina. acquisti per bebèIl costo del trio è variabile, tra i 350 e i 700 euro. Ma ci servirà veramente? La carrozzina sarà utilizzata al massimo per 3/5 mesi, il seggiolino auto solo fino a 9 kg (più o meno 6/9 mesi) e il passeggino, solitamente molto pesante rispetto agli ultimi nati leggerissimi e con chiusura ad ombrello, potrebbe risultare scomodo per le passeggiate quotidiane.

L’alternativa ecologica ed ecosostenibile al trio è quella di acquistare un seggiolino di classe 0/18 kg che andrà bene dalla nascita ai 3 anni e la carrozzina e il passeggino usati o prestati da amici e parenti. Il mercato dell’usato per neonati è molto fiorente, va dal web ai mercatini e negozi specializzati. In media si risparmia circa il 50% del budget andando a impattare molto meno sull’ambiente. Molti neogenitori ecologici, inoltre, non acquistano carrozzina e passeggino ma portano i bambini nelle apposite fasce fino a quando non sono in grado di camminare da soli. In questo caso il risparmio è dell’80% rispetto al budget.

COSA OCCORRE AD UN NEONATO? Culla-fasciatoio-lettino La culla, di solito tutta pizzi e nastri, il fasciatoio con o senza bagnetto incorporato e il lettino con le sbarre, sono un altro costo davvero impattante sulla spesa da sostenere per i futuri genitori che va dai 500 euro in su. Ma occorrono davvero? Anche in questo caso, volendo acquistare questi oggetti, ci si può rivolgere al mercato dell’usato risparmiando circa il 50% del budget. Ricordiamo che la culla verrà utilizzata per un massimo di 6 mesi e il fasciatoio con bagnetto fino ai 4/5 mesi.

L’alternativa ecologica ed economica è quella di acquistare una normale cassettiera invece del fasciatoio che durerà a lungo e di allestire la parte superiore con un materassino morbido per il cambio. Per il bagnetto, invece, esistono adattatori universali per la vasca da bagno e la doccia e, per quanto riguarda la culla, seppur bellissima, non è indispensabile. Il lettino con le sponde può essere adattato per un neonato attraverso ceste in stoffa morbida.

COSA ACQUISTARE PER L’ARRIVO DEL BEBE’ – Abbigliamento, accessori, igiene personale Amici e parenti regaleranno al nuovo arrivato moltissimi oggetti. Il consiglio che ci sentiamo di dare in questa fase delicata dell’attesa del bebè è quello di occorrente per il bebèacquistare solo il corredino che occorre per andare in ospedale: 8/10 tutine, una decina di body intimi due o tre set di lenzuolini e, se la nascita è prevista in inverno, qualche calda coperta e una tuta termica dove avvolgere il bebè durante le passeggiate all’aperto. Il neonato, che viene allattato al seno e non ha bisogno di niente. I pediatri raccomandano di non integrare l’allattamento al seno con null’altro: nessun ciuccio, biberon, camomilla o tisane al finocchio. Nel caso in cui il neonato venga allattato artificialmente allora ci attiveremo, una volta nato, per acquistare l’occorrente sotto consiglio del pediatra del piccolo. Per l’igiene e la detersione del neonato non occorrono saponi, creme e altro, i pediatri suggeriscono di utilizzare acqua e bicarbonato o amido ad ogni lavaggio.

ACQUISTI PER IL NEONATO – Pannolini, giochi, seggiolone Per quanto riguarda l’utilizzo di pannolini esistono delle valide alternative ecosostenibili a quelli usa e getta: sono i pannolini lavabili con cui si avrà un risparmio consistente durante i primi tre anni di vita del piccolo. Giostrine, sdraiette, giochi, accessori di varia natura non sono assolutamente indispensabili.

Ricordate che tutto ciò che entra in casa dovrà uscirne. La maggior parte dell’attrezzatura riservata ai neonati è molto ingombrante.

PER SAPERNE DI PIU’: Agriasilo e agrinido – bebè sostenibili fin da piccoli

LEGGI ANCHE: