Questo sito contribuisce all'audience di

Biglietti dei treni: guai a bloccare la concorrenza

I prezzi dei biglietti dei treni rischiano di aumentare. In corso le verifiche dell'Antitrust

di Posted on
Condivisioni

Biglietti dei treni: sono scesi, grazie alla concorrenza, e adesso rischiano di risalire grazie alla discesa in campo dell’Antitrust. Lo scontro tra Ferrovie dello Stato, società pubblica, e Ntv, concorrente privato, è ogni giorno più duro. E in seguito a una serie di denunce da parte di Ntv per dumping e pratiche scorrette, è scesa in campo l’Antitrust.

LEGGI ANCHE: Come fare le vacanze gratis o con poco, Scambio casa e Couch surf

L’obiettivo è quello di “verificare se il gruppo delle Ferrovie abbia abusato della sua posizione dominante sul mercato per favorire Trenitalia e ostacolare Ntv”. Nel mirino dell’Autorità di garanzia ci sono i prezzi dei biglietti a sconto, l’uso della rete, di fatto controllata da Ferrovie, e delle stazioni, dove l’offerta di Ntv sarebbe stata ostacolata.
Senza nulla togliere alle ragioni di Ntv e alla presa di posizione dell’Antitrust, dobbiamo evitare il rischio che questo scontro si riduca a una beffa per i consumatori. Con una censura dei ribassi dei biglietti e una nuova ondata di rincari.

LEGGI ANCHE: Volare low cost, i dieci siti per spendere poco

E’ chiaro che Ferrovie sfrutta al massimo la sua posizione di partenza, e in particolare il controllo della rete, ma questo non può portare a un appiattimento da duopolio sui prezzi dei biglietti. La concorrenza ha fatto molto bene ai viaggiatori e alle loro tasche: guai a fermarla. Sulla tratta Roma-Milano, infatti, i biglietti sono crollati, e oggi basta fare un acquisto con anticipo, magari online, per ottenere forti sconti. E’ crollato anche il prezzo del biglietto aereo sulla rotta Milano-Roma e viceversa.

Approfondisci: I B&B DOVE PUOI PAGARE CON IL BARATTO

Tutto per effetto della concorrenza, che non va scoraggiata, ma solo riportata a un rigoroso rispetto delle regole. Regole, e non prezzi dei biglietti.