Community farm, la fattoria di Reggello gestita da disabili - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

La fattoria gestita da persone disabili, dove il percorso riabilitativo passa dall’orto

A Reggello, in provincia di Firenze, una villa donata in beneficienza è diventata una fattoria dove l’associazione Oda si prende cura di 25 persone con disabilità intellettiva. Al suo interno gli ospiti fanno attività terapeutica prendendosi cura delle coltivazioni, della cucina e del giardino

Condivisioni

FATTORIA DISABILI

Gestire una fattoria per portare a termine un percorso riabilitativo, il tutto dentro una villa sulle colline di Valdarno donata in beneficenza. È questo il contesto dove è nata l’Oda farm community, una sperimentazione che interessa 25 persone che disabilità intellettiva che, grazie a un protocollo molto particolare, imparerano a prendersi cura delle coltivazioni, della cucina e del giardino. L’obiettivo è farli sentire “a casa propria” permettendo il progredire dell’attività terapeutica, in un ambiente protetto e immerso nella natura.

LEGGI ANCHE: Bici da riciclare? A Pordenone ci pensano i disabili e le persone svantaggiate (foto)

ODA FARM COMMUNITY

La struttura è nata da un progetto realizzato con Asl Toscana centro, regione Toscana e comune di Reggello, e non è una fattoria per modo di dire, anzi. Al suo interno gli ospiti vengono convolti in tutti i lavori tipici del fattore: dal lavoro agricolo alla gestione e manutenzione della villa. Inoltre, grazie all’impegno di un team di educatori, operatori sanitari e un infermiere e con la supervisione dei medici della Fondazione Oda, i disabili portano avanti il loro percorso riabilitativo, sperimentando “strade” alternative come un progetto di “cucina adattata” per imparare tecniche e vocaboli utili per preparare gli alimenti.

FATTORIA GESTITA DA DISABILI TOSCANA

E le attività non finiscono qua: in questa farm community, che ricalca esempi simili in Italia e in Europa, è attivo anche un laboratorio dedicato alla personalizzazione delle camere, per promuovere l’autonomia degli ospiti. Un altro, invece, è centrato sulla cura della raccolta differenziata, mentre un’iniziativa promuove la realizzazione di una newsletter per isegnare agli ospiti le nozioni di base per l’uso del pc. Tutti modi per promuovere un cammino di riabilitazione all’interno di un ambiente sano e soprattutto stimolante, come può essere una villa sperduta nelle fantastiche colline toscane.

Foto tratta dalla pagina Facebook ODA Villa San Luigi

LE INIZIATIVE PER MIGLIORARE LA VITA DI CHI SOFFRE

RaB, il caffè letterario di Milano che aiuta i disabili, li fa lavorare, e crea comunità

Casa verde, nei boschi e nel borgo medioevale si curano 30 ragazze disabili

Superare la disabilità grazie agli amici: Amrik ha fatto la maturità con la voce dei compagni

BiciclaAbile, il progetto che permette a dei ragazzi disabili di far rinascere le vecchie bici