Questo sito contribuisce all'audience di

La vergogna dello spreco del grano italiano: lo paghiamo una miseria e lo importiamo (scadente)

Gli agricoltori del grano made in Italy sono in ginocchio, con i prezzi crollati quasi del 50 per cento. Mentre con il “grano giramondo”, quello straniero, si realizza in Italia un pacco di pasta su tre. Lanciamo un appello: comprate pasta, derivati e pane, fatti solo con grano duro made in Italy. Più sano e più sicuro.

La vergogna dello spreco del grano italiano: lo paghiamo una miseria e lo importiamo (scadente)
Tutela grano italiano
di
Condivisioni

TUTELA GRANO ITALIANO

C’è qualcosa che mi indigna nello spreco assurdo del grano italiano. È scoppiata l’ennesima guerra in Italia, con tanto di hashtag #guerradelgrano, con agricoltori e consumatori, per motivi diversi, in ginocchio. I primi devono fare i conti con un crollo dei prezzi del grano made in Italy: 18,7 euro a quintale, il valore più basso negli ultimi dieci anni. I secondi che invece acquistano pasta i cui pacchi, uno su tre, sono confezionati con “grano giramondo”, cioè straniero, e con prezzi aumentati anche del 500 per cento.

VENDITE GRANO ITALIANO

L’incredibile doppio spreco, che coinvolge l’intero sistema Italia e tutta la filiera del grano (comprese pasta e pane) si riduce a questo incastro di nefandezze: produciamo meno grano eccellente di quello che serve, lo paghiamo una miseria, ne importiamo sempre di più (di qualità spesso scadente e lavorato, come nel caso del Canada, con 90 sostanze attive vietate dall’Unione europea), e paghiamo tutto di più, specie la pasta. Un film già visto con altri prodotti dell’agroalimentare made in Italy, per esempio l’olio extravergine.

 

tutela-grano-italiano (3)

LEGGI ANCHE: Olio tunisino, l’ennesimo schiaffo dell’Europa al made in Italy

CONCORRENZA SLEALE NELLA VENDITA DEL GRANO DURO

Dove nasce il disastro? Da un’idea inaccettabile del mercato e della concorrenza. Un’idea alla quale bisogna ribellarsi, almeno come consumatori, come uomini e donne che ogni giorno fanno la spesa. Il grano duro che arriva dall’estero, specie dalla Turchia e dall’Ucraina, costa meno e quindi i produttori di pasta e pane lo acquistano a mani basse per realizzare i loro prodotti. Peccato però, che la qualità sia molto più scadente del grano duro made in Italy, e lo capiamo subito quando mangiamo pane stopposo che si indurisce in poche ore, quello grano di antichissime tradizione, più digeribile, più salutare, più ricco di proteine, più buono. Inoltre i concorrenti stranieri non hanno norme di sicurezza così stringenti come i nostri agricoltori e produttori di grano e possono usare in maniera molto più invasiva fotofarmaci e conservanti.

PER APPROFONDIRE: Etichette alimentari, senza la provenienza rischiamo di mangiare solo porcherie

COME DIFENDERE E TUTELARE IL GRANO ITALIANO

Per reagire a questo spreco davvero scandaloso, bisogna sostenere la battaglia per avere in etichetta, in ciascun prodotto industriale e artigianale, l’indicazione della provenienza del grano utilizzato nella pasta, nei suoi derivati e nel pane. Bisogna cercare di contenere le importazioni dai paesi extra Unione europea, e garantire l’assoluta trasparenza a vantaggio ed a protezione dei consumatori che poi possono fare in liberta le loro scelte. E bisogna, al contrario, favorire la crescita, con tanto di posti di lavoro, dell’intera filiera del grano, compresi i forni e i piccoli e grandi pastifici.

Infine, quanto a noi consumatori, alziamo la voce, facciamoci sentire, non stiamo in silenzio a subire. E, per esempio, acquistiamo pasta, derivati della pasta e pane, solo con grano duro made in Italy. Cosi in modo concreto e reale daremo il nostro contributo a questa battaglia economica, di civiltà e di benessere.

 

tutela-grano-italiano (2)

LA RICCHEZZA DELLA PASTA E DEL PANE MADE IN ITALY:

  1. Il ritorno dei panifici: dal Nord al Sud Italia, il pane che dà lavoro ai giovani
  2. Ricette con pasta avanzata: una raccolta di preparazioni gustose, dall’antipasto al dolce
  3. Pasta fatta in casa senza glutine: la ricetta
  4. Pane all’anice fatto in casa, la ricetta con miele e scorza d’arancia. Ottimo per digerire bene
  5. Pane con orzo, una ricetta dal sapore antico, soffice e nutriente, perfetta anche a colazione

Ultime Notizie:

Il valore dell'onestà non è solo una questione di soldi o di cervello. Ecco perché dilaga la corruzione

Il valore dell’onestà non è solo una questione di soldi o di cervello. Ecco perché dilaga la corruzione

Gli scienziati anglosassoni avvisano: la capacità di imbrogliare ha le sue radici nel cervello. Sarà anche vero, ma sul dilagare della corruzione, del non rispetto di regole e leggi e del malaffare in Italia, uno spreco enorme per il Paese, contano altri fattori, più che la nostra materia grigia. A partire dalla perdita di senso della parola onestà e del suo contrario, disonestà.

continua »