Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Siamo sicuri di amare le nostre città? E quali sono i gesti concreti di questa passione?

Rispettare i luoghi pubblici, senza insozzarli. Muoversi con disciplina nel traffico. Accorgersi dei più deboli. Partecipare alla vita pubblica. L’amore per una città non è retorica, è la somma di cose fatte o non fatte.

da Posted on
Condivisioni

RISPETTO PER LA PROPRIA CITTÀ

Nella vita sono stato molto fortunato in amore: ho voluto bene, davvero bene, a tutte le città dove ho vissuto. Napoli, Milano, Roma. Ovunque sono stato accolto con spirito materno, ovunque mi sono sentito a casa mia e sicuramente ho più ricevuto che dato. Anche quando mi sono ritrovato a fare l’emigrante.

Oggi le città vivono una straordinaria trasformazione, e sempre più si qualificano per come noi le percepiamo, e come le amiamo. Pensate alla distanza, ormai abissale, tra Milano e Roma: è evidente che nel primo caso pesa, in chiave positiva, un rapporto più solido e più amorevole con i cittadini.

Ma in che cosa consiste l’amore per una città? È un sentimento reale o siamo finiti nella palude della retorica? Dove si esprime questo amore, in termini concreti, sulla base di un fare e non solo enunciare? Come tutti gli amori, anche quello per una città, la propria città, va coltivato, perseguito, ricercato. Deve riscaldare il cuore, altrimenti restiamo schiacciati sotto il peso dell’indifferenza.

LEGGI ANCHE: Parchi violentati dai cittadini incivili, il caso di Villa Pamphili a Roma, 184 ettari di scempi

RISPETTO PER IL LUOGO IN CUI SI VIVE

Papa Francesco ha usato una bella espressione, a proposito dei romani che ancora amano la loro città e lo dimostrano ogni giorno. «Sono artigiani del bene comune» ha detto. Artigiani, in quanto impegnati a fare cose con quella cura che si richiede appunto nei lavori artigianali; del bene comune, in quanto la città è sempre una comunità, un Noi e non una somma demografica di Io. E il Noi funziona se alla base si sente l’esigenza del bene comune.

Sono convinto che un bravo sindaco, con una buona squadra di amministratori, può fare la differenza e cambiare la storia di una città. Anche la più depressa e la più degradata. Ho visto in Italia e all’estero tante città cambiare completamente faccia grazie a una piccola squadra di buoni amministratori locali. Ma non illudiamoci, e non facciamo diventare la pochezza della nostra classe dirigente, anche in periferia, un alibi per il nostro disimpegno. Ogni giorno, prima di chiedere a un sindaco, a un assessore, a un consigliere comunale, che cosa stanno facendo per la città, domandiamoci cosa stiamo facendo noi, in prima persona.

PER APPROFONDIRE: A Venezia i cittadini si tassano per affittare un’isola dello Stato e farne un grande parco

COME RISPETTARE LA PROPRIA CITTÀ

E qui vengo a un elenco che potrebbe essere davvero interminabile di gesti semplici, molto semplici. Rispettare i luoghi del bene comune, dai marciapiedi ai giardini, dalle strade alle fontane. E rispettarli significa non fare ciò che non oseremmo mai fare a casa nostra, come gettare a terra un mozzicone di sigaretta o sfregiare una pianta. Muoversi nel traffico, con qualsiasi mezzo, rispettando un minimo di regole, della strada e del buon senso: come cambiano volto, per esempio, le città quando diminuiscono i rumori dei nostri clacson dissennati! Accorgersi degli altri, aiutare gli altri: ogni città, ogni quartiere, ogni comunità, ha una quota di persone che sono indietro. Non possiamo fingere che non esistano. E per aiutarle possono bastare anche i gesti più semplici di solidarietà, come incontrali e aiutarli. Amare una città, cari amici di Non sprecare, significa partecipare alla sua vita, non stare sempre a lamentarsi e piangersi addosso. Essere in campo. Da volontario, da attivista politico, da persona impegnata nelle istituzioni, da cittadino punto e basta. E ricordatevi: quando sentite parlare di città intelligenti, cambiate canale e fatevi una risata. Non esistono. Esistono città che funzionano e città che non funzionano, dipende da come sono amministrate. Città che si amano o non si amano, e questo dipende da noi.

GESTI SEMPLICI PER RISPETTARE I LUOGHI IN CUI SI VIVE:

  1. Immigrati a lavoro, la storia di Samuel e Ibrahima. Spazzini nella cloaca romana, pagati dai cittadini (video)
  2. Verde in città, più sicurezza per i cittadini. E meno depressione e solitudine (foto)
  3. Alberi adottati dai cittadini del quartiere, si moltiplicano gli accordi in Italia. Evviva!
  4. Agro-ecologia urbana: il progetto che riporta i cittadini di Milano a contatto con la natura
  5. Mustafa: il giardiniere marocchino emigrato a Napoli che ha dato vita ad un’aiuola sul marciapiede della città