Questo sito contribuisce all'audience di

Lasciare la città per vivere in montagna, la scelta radicale di Tommaso e Alessia (foto)

Due trentenni romani, con un lavoro appagante nella Capitale, hanno deciso di lasciare tutto per trasferirsi in Valle Maira e oggi vivono circondati dalla natura e, allo stesso tempo, nutrono le loro passioni. Da questa esperienza è nato un libro che racconta la loro ritrovata serenità

Condivisioni

VIVERE IN MONTAGNA

Vivere circondati dalla natura selvaggia, finalmente liberi di sperimentare uno stile di vita diverso da quello cittadino. È questo l’istinto che ha spinto Tommaso D’Errico e ​​Alessia Battistoni, due trentenni romani, a fare una scelta radicale: lasciare le comodità della città (ma anche una mole enorme di stress) per trasferirsi stabilmente in montagna. Così all’improvviso hanno deciso di abbandonare i rispettivi lavori per andare a vivere in una remota borgata alpina della Valle Maira, in Provincia di Cuneo. Dal loro primo anno in mezzo alla natura è nato un libro che racconta questa scelta di vita radicale.

LEGGI ANCHE: Tornare a coltivare la terra, la storia di Antonio

AL RITMO DELLE STAGIONI

Tommaso ha 34 anni e prima di rivoluzionare la sua vita era un grafico creativo e web designer, appassionato di fotografia, disegno, natura e viaggi. Alessia, invece, 30 anni, di professione era biologa e oggi divide il suo tempo tra il lavoro, l’orto, la produzione di cibi fatti in casa e la cura degli animali domestici. Entrambi a un certo punto della loro vita hanno deciso che erano stufi di essere ostaggio della città e della claustrofobica vita d’ufficio, così hanno lasciato senza rimpianti un buon posto da dipendente e hanno iniziato a lavorare come freelance. In questo modo hanno intrapreso una strada alternativa, un’esperienza a contatto con la natura per cercare la felicità al ritmo delle stagioni.​ Ovviamente per affrontare questa nuova realtà si sono dovuti scontrare con un mondo sconosciuto. Un incontro che ha dato vita a episodi e situazioni tragicomiche dovute all’esigenza di far convivere il bisogno di naturalezza con una mente plasmata e assorbita dalla modernità.

LA VITA IN MONTAGNA

Da questa esperienza ha preso forma “​​Al ritmo delle stagioni. Un anno di vita in montagna“, un libro che racconta l’esperienza di questi due trentenni. Scritto con una buona dose di autoironia, Tommaso e Alessia raccontano le motivazioni che li hanno portati a questa scelta e le difficoltà per metterla in pratica. Andando a vivere in montagna dicono di aver trovato il modo e il tempo di nutrire le loro passioni e di scoprirne di nuove come: la coltivazione di un orto, la contemplazione della natura in tutte le sue manifestazioni, e lo studio e l’osservazione degli animali selvatici. Attività che in città si possono solo sognare o vivere in modo marginale. Inoltre, prendendo spunto da questa nuova realtà, questi due trentenni hanno voluto affrontare temi di grandissima attualità come la ​​decrescita volontaria, l’autoproduzione, il ​​rapporto con la natura e i​​l valore del tempo. La speranza è di riuscire, con la loro testimonianza, ad infondere il coraggio necessario a chi pensa da tempo di rivoluzionare la propria vita ma non ne trova la forza. Anche perché la rivoluzione esistenziale di Tommaso e Alessia vuole contribuire alla definizione di un modello attuale e realistico di ripopolamento dei contesti rurali, troppo spesso trascurati o addirittura abbandonati.

Le foto sono tratte dalla pagina Facebook “Al ritmo delle stagioni

STORIE DI CHI SCEGLIE DI LASCIARE LA CITTÀ PER RINASCERE