Ritorno dei pastori in Italia - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Pastori: così tornano di moda

L'ex modella che cambia vita per curare le pecore. La storia emblematica di un mestiere che in Italia piace a 2mila persone. Mentre aprono nuove scuole.

RITORNO DEI PASTORI IN ITALIA

Il lavoro, lo diciamo da tempo, bisogna inventarlo, nel buio della Grande Crisi. E in Italia 2mila ragazzi, secondo i dati annunciati dalla Coldiretti, per lavorare si sono inventati di tornare a uno dei mestieri più antichi del mondo: quello del pastore.

Lo fanno con successo e con modernità. Abbinando, per esempio, la pastorizia, cioè una ricchezza dell’agroalimentare made in Italy, con l’artigianale produzione di formaggio, con gli agriturismo, il bed and breakfast. Ovvero creando un sistema virtuoso ed efficace di economia circolare.

LEGGI ANCHE: La storia di Roberta, a soli 17 anni ha deciso di vivere in montagna e produrre il formaggio

RITORNO ALLA PASTORIZIA IN ITALIA

Le storie sono tante, e meriterebbero tutte di essere raccontate. Daniela Pasinetti, per esempio, è una ex modella che vive con il marito Davide Bortoluzzi, nella conca di Alpago, in provincia di Belluno, in Veneto. Invece di rincorrere lavori nella moda, nel marketing e nella comunicazione, che pure avrebbe facilmente trovato come ex modella, Daniela ha pensato bene, con il compagno, di costruire una stalla, allevare un gregge e produrre formaggi pecorino e caprino. Della serie: e vissero felici e contenti. Carolina Leonardi, 23 anni, non è nata in una famiglia di pastori, ma ha iniziato da zero, per passione e per dare uno sbocco di lavoro alla sua vita. Ha vinto un bando della regione Toscana, e oggi nel suo agriturismo a Seravezza, in Toscana, alle coltivazioni locali ha aggiunto il suo gregge.

Il ritorno dei pastori, giovani e in prevalenza donne, significa anche salvare un patrimonio di 7 milioni e 200mila pecore (in aumento di 200mila unità rispetto al 2011), salvare dall’estinzione 38 razze che risultavano a rischio, e dare una spinta al settore del formaggio che in Italia vale prodotti per 60 milioni di chili l’anno, dei quali la metà con il marchio dop.

TIROCINI PER PASTORI IN LOMBARDIA

Intanto in Lombardia, nel luglio del 2022, è stata approvata una legge regionale che istituisce tirocini formativi presso le aziende regionali di questo settore. Un modo per formare pastori e avvicinarli, anche culturalmente, al mestiere.

SCUOLE PER DIVENTARE PASTORI

Ma il dato più significativo del nuovo appeal della pastorizia, in un Paese dove si contano sette milioni di pecore, è l’aumento delle scuole dove si impara questo mestiere. Sulla base di un progetto del Consiglio per la ricerca in Agricoltura, insieme alle università di Torino, Sassari e del Molise, è nata la “Scuola Nazionale della Pastorizia”. In Calabria è partito il percorso formativo “Pastore 4.0” dedicato all’applicazione della tecnologia agli allevamenti di pecore di capre. E anche in Sardegna è stata avviata una scuola di pastorizia per giovanissimi.

QUANTO GUADAGNA UN PASTORE

Un pastore, all’inizio del suo percorso lavorativo, guadagna da 1.000 a 1.400 euro al mese. Dopo cinque anni questa cifra sale a 1.700 euro al mese, con una settimana lavorativa di 40 ore.

QUANTO PRODUCE UNA PECORA

Una pecora selezionata e curata produce in media 300-350 litri di latte. Ma può arrivare, nella media, anche a 400-450 litri di latte in un arco di tempo di sei mesi.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

GIOVANI CHE HANNO SCELTO GLI ANTICHI MESTIERI:

Share

LEGGI ANCHE:

<