Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Pesci rossi, non liberateli mai nei fiumi o nei laghi. Distruggono l’ambiente e fanno danni enormi

Abituati ad avere poco spazio e poco cibo, i pesci rossi liberi mangiano tutto. Girini, uova, piante, avannotti. Il caso del lago Teller in Colorado. Se non volete più i pesci in casa, regalateli a chi li cura.

da Posted on
Condivisioni

PERCHÉ NON LIBERARE I PESCI ROSSI

Se in casa avete dei pesci rossi di cui volete disfarvi perché non siete più capaci di prendervene cura, non gettateli mai nei laghi o nei fiumi. Liberare i pesci rossi, infatti può rivelarsi davvero rischioso non soltanto per questi ultimi ma soprattutto per l’ecosistema nel quale vengono inseriti.

Quando sono nella boccia di casa, i pesci crescono poco perché si muovono in uno spazio vitale esiguo, e hanno a disposizione una quantità di cibo limitata, razionata quotidianamente. Se gettati in un lago invece, la vastità dell’ambiente e la quantità di cibo notevole che li circonda, li porta non solo a moltiplicarsi a grande velocità ma anche a crescere a dismisura e a diventare grossi come trote o carpe.

LEGGI ANCHE: La plastica che uccide i pesci. Dalla forchetta al dentifricio passando per buste e tappi (Foto)

PERCHÉ NON LIBERARE I PESCI ROSSI IN LAGHI E FIUMI

I pesci rossi, infatti, cominciano a cibarsi di tutto ciò che il nuovo ecosistema offre loro, distruggendolo: girini, uova, piante, avannotti. Le altre specie, non essendo pronte a confrontarsi con questa razza non autoctona, soccombono, perché la convivenza diventa per loro insostenibile. Lo sanno bene quelli del lago Teller, in Colorado, che hanno dovuto fronteggiare un’invasione di pesci rossi, probabilmente in seguito al gesto maldestro di un cittadino che si è disfatto di qualche pesciolino domestico.

(L’invasione di pesci rossi nel Lago Teller in Colorado. Fonte: La Presse)

Le autorità del luogo hanno cercato di risolvere il problema studiando due soluzioni. Una prevedeva l’uso di imbarcazioni dotate di apparecchi elettrificati in grado di paralizzare i pesci, così da poterli trasportare facilmente in altro luogo. L’altra, suggeriva invece la messa in campo di pompe di filtraggio capaci di rimuovere le specie indesiderate. Ha vinto la prima proposta e poi, una volta rimossi dai laghi, i pesci rossi sono stati inviati presso un centro di riabilitazione per rapaci, divenendo cibo per questi ultimi.

PER APPROFONDIRE: Alghe marine, esplodono con il surriscaldamento. E producono tossine che uccidono i pesci

PESCI ROSSI DANNOSI PER ECOSISTEMA

I pesci rossi, specialmente quelli che provengono dagli acquari, possono essere portatori di numerose malattie e parassiti che si diffondono rapidamente nell’ambiente, quando vengono liberati.

Ecco perché, anche quando il nostro pesce rosso di casa passa a miglior vita, sarebbe bene non gettarlo nel water. Un fenomeno, quello dei pesci rossi liberati nell’ecosistema, che non si riesce a circoscrivere con facilità, anche perché questi si spostano velocemente, percorrendo anche 200 km in un anno.

Se, dunque non potete più prendervi cura del vostro pesce rosso, non liberatelo in un lago o in un fiume perché fareste più danni di quanti ne immaginiate. Piuttosto, cercate di regalarlo a qualcuno che lo voglia davvero o chiedete ai negozi di animali, che spesso li riprendono. Ma soprattutto, quando comprate un animale, anche un piccolo pesce rosso, siate sicuri di potervene occupare per tutto il tempo in cui vivrà accanto a voi.

COME CURARE GLI ANIMALI DOMESTICI:

  1. Cibi da evitare per cani e gatti. Proteggete i vostri animali anche con la dieta giusta
  2. Assicurazione per gli animali domestici: quando è necessaria e come evitare salassi
  3. Viaggiare con cani e gatti, tutto quello che bisogna sapere. Dalla sicurezza al biglietto
  4. Raffreddore nei cani: come riconoscerlo e curarlo senza ricorrere ai medicinali. Molta acqua, brodo caldo e granuli di propuli
  5. Pulci dei gatti: eliminatele con questi rimedi naturali. Dall’aceto a limone e bicarbonato (foto)
  6. Cani e gatti, i consigli per educarli bene e farli felici. Senza cedere a manie, come l’idromassaggio
  7. Come fare sport con il proprio cane, divertendosi insieme. Le attività migliori