Che fare con le pietre del mare | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Che fare con le pietre del mare: creazioni e lavoretti

Mosaici, zerbini, portacandele. Ma anche sottobicchieri e appendiabiti. Con i sassi del mare il riciclo creativo non ha limiti

Decorare la casa con oggetti di recupero è un’idea non solo economica ma anche molto accattivante, perché permette di avere intorno a sé pezzi unici che nessun altro possiede. Le pietre di mare sono tra gli oggetti che più facilmente si possono recuperare, specialmente se si ha l’abitudine di frequentare la spiaggia, non solo in estate ma anche in inverno, quando la battigia è sgombra di gente, ombrelloni e caos. Le varietà di sassi presenti in natura, consente davvero alla fantasia di sbizzarrirsi per trasformarli in tutto ciò che si desidera.

CHE FARE CON LE PIETRE DEL MARE

I sassi di mare hanno forme e colori particolari, sono levigati dall’acqua e dal vento e riservano piacevoli soprese. Certo, è bene pulirli prima di lavorarli, magari con dell’acqua tiepida e del sapone neutro. Li si può poi adoperare al naturale oppure scegliere di dipingerli con i colori più vivaci, sempre dopo aver dato, eventualmente, una mano di bianco per la base. Con i sassi si possono creare totem, mosaici (se le pietre sono piccole); li si può incollare tra loro per creare forme di animali, zerbini, sottopentole. Chi sa usare il trapano, può forarli e farne delle maniglie per porte oppure inciderli per creare cuori, foglie, oppure ciondoli da regalare. Insomma, con le pietre di mare si fa di tutto, basta avere un pizzico di fantasia.

LEGGI ANCHE: Come riciclare le caffettiere, tante idee per decorazioni fai da te e lavoretti creativi

CREAZIONI CON LE PIETRE DEL MARE

Con le pietre di mare si possono creare tantissimi oggetto che decorano la casa e la rendono anche più funzionale. Oggetti originali che diventano finanche ottime occasioni regalo.

Vediamo insieme cosa si può produrre, facilmente, assemblando questi particolari sassi:

  • Con le pietre di mare si può realizzare un albero natalizio, che arreda la casa con originalità, soprattutto se si tratta di un’abitazione marina. Ciò di cui si ha bisogno è della colla a caldo, una lenza da pesca, della pittura acrilica e un ramo di albero, facilmente reperibile sulla spiaggia. Il ramo va dipinto del colore che si desidera e poi con le pietre si creano delle decorazioni da appendere sui rami, adoperando il filo di lenza.
  • Con i sassi di mare ovali, si creano delle fantastiche coccinelle. Innanzitutto la pietra va dipinta con una base acrilica trasparente che poi va lasciata asciugare. Poi, bisogna passare il colore rosso lacca e dopo che questo si è asciugato, va dipinta di nero la mezzaluna anteriore disegnata a matita sulla superficie e vanno realizzate le macchie nere sul corpo.
  • Con un sasso grande si crea un fermaporta, decorato come si voglia, magari disegnando un animale o qualunque altra cosa sulla superfice della pietra e poi colorandola con la pittura acrilica. Con la vernice trasparente si può rendere brillante il tutto.
  • Ottima l’idea del porta candele da realizzare con i sassi. Con una pistola a caldo si incollano i sassolini posizionati a semicerchio su di una pietra piatta e grande. Quando le pietre sono ben fissate, le si può decorare a proprio piacimento.
  • Se ci si procura un tappeto di feltro, lo si può ricoprire di sassolini da mare, mettendoli ben vicini e poi incollandoli. Ecco realizzato un bel tappetino di pietre che può essere adoperato anche come tappeto sul quale riporre le scarpe.
  • Con i sassi di mare si crea un originale appendiabit Basterà solo incollare i sassi, di varie forme e dimissioni, ad un semplice appendiabiti e poi procedere con la colorazione, se non li si vuole lasciare al naturale.
  • Con le pietre del mare si crea una bella parete in stile country in cucina. Basta munirsi di una spatola, di adesivo per mosaici e dei sassi giusti. La pazienza e la creatività faranno il resto.
  • Semplice ma efficace l’idea dei sottobicchieri da fare coi ciottoli: un design accattivante che abbellisce la tavola. Con la carta da forno si crea una base sulla quale disporre i sassolini per poi incollarli con uno strato sottile di colla. Poi, si applica un tappetino di feltro e si lascia asciugare il tutto. Infine, si rimuove la carta da forno e si elimina la parte di tappetino che sporge.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

LAVORETTI CON LE PIETRE DEL MARE

Con i sassi del mare si creano anche tanti lavoretti per i bambini. Animaletti, piante finte, ortaggi colorati: insomma qualunque cosa sbizzarrisca la loro fantasia, a casa come a scuola. Vediamo insieme cosa creare.

  • Con i sassi si creano i “sassi animati”, basta fissare ad una base alcune pietre, meglio se di dimensioni differenti; poi, con un piccolo pennello, gli si disegna sopra gli occhi per dare vita ad una vera e propria famigliola animata.
  • Una creazione “ad hoc” per i bimbi è quella dei piedini, realizzati con un sasso grande al quale siano associati dei sassolini piccoli che ricordino le dita minuscole dei piedi dei bambini.
  • Bellissime le piante grasse in vaso da riprodurre con i sassi. L’effetto decorativo è di grande impatto visivo. I sassi vanno prima dipinti di verde e poi messi in vaso per dare vita all’effetto che si desidera. I sassi riproducono in tutto e per tutto le piante grasse e ornano con grande eleganza.
  • Belli i sassi che diventano tanti ortaggi o frutti diversi, se colorati delle tinte di questi ultimi. Un ruolo importate lo giocano le forme che devono ricordare, almeno un po’, il frutto o l’ortaggio da riprodurre.
  • I più piccoli ameranno il bruco con i sassi, realizzato posizionando questi ultimi in fila, non prima di averli dipinti e sovrapponendoli fino a dare forma ad un bruco multicolore, molto divertente.
  • Che dire della famiglia dei pinguini? Un lavoretto bellissimo, fatto con dei sassi ovali, dipinti di bianco e di nero con dei colori acrilici. Un bel lavoretto da fare a scuola o a casa, con mamma e papà.
  • Nel periodo natalizio si è sempre alla ricerca dell’ispirazione giusta che regali un pizzico di magia. I sassi del mare possono essere dipinti con i classici simboli del Natale, da Babbo Natale ai fiocchi d neve.
  • Chi ama i Minions, può realizzarli servendosi dei sassi di mare. Questi devono essere ovali e saranno perfetti per essere trasformarli nel beniamini dei bambini.

QUADRI CON I SASSI DEL MARE

Con le pietre del mare si realizzano dei quadri davvero stupefacenti. A parte il fatto che con i sassi si decorano anche le cornici, è vero anche che li si può adoperare per realizzare delle composizioni che rappresentano il soggetto del quadro stesso. Paesaggi, figure umane e tutto ciò che si desidera. Basta dotarsi di ciottoli di varie dimensioni, colla a caldo, una matita (nel caso si debbano disegnare altri motivi), un righello, del filo per appendere il quadro o dei ganci. Qualora le pietre debbano essere dipinte, la mano di colore va data prima che si proceda al fissaggio con la colla. Quando la tinta si secca, allora si può realizzare il quadro vero e proprio, creando qualunque tipo di soggetto, da quello più semplice, con pochi elementi a quello più complesso, per il quale serviranno pazienza e manualità.

PER APPROFONDIRE: Mollette da bucato, con il riciclo creativo si trasformano in cornici, sottopentola e segnaposto

COME SI INCOLLANO LE PIETRE DEL MARE?

Per realizzare delle composizioni artistiche, è necessario munirsi di colla a caldo o a base di silicone. La cosa importante è che queste colle siano trasparenti, affinché il lavoro non si rovini. La colla a base di silicone è ottima, soprattutto se le pietre devono essere incollate al legno. Le pietre, prima di essere fissate su qualunque supporto, devono essere pulite con un panno inumidito di acqua e alcol. Infine, dopo la detersione, bisogna decidere dove incollarle ed eventualmente si pratica un segno a matita sulla superficie che fa da supporto. Il collante va steso aiutandosi col beccuccio del contenitore, poi sopra vi si mettono le pietre stabilite, premendole bene per farle aderire. Le sbavature di colla vanno eliminate immediatamente, con uno straccio bagnato, prima che si asciughino. Quando il lavoro è finito e tutto è stato fissato, si può passare una mano di vernice protettiva sull’intero lavoro.

QUALI COLORI SI USANO PER DIPINGERE I SASSI DEL MARE?

Con i sassi del mare si realizzano tanti lavori creativi e la pittura riesce a conferire loro un aspetto ancora più allegro e accattivante. I colori che maggiormente vengono utilizzati per queste piccole creazioni, sono quelli acrilici o a tempera. I colori acrilici hanno una resa migliore e sono assai resistenti nel tempo, Inoltre, non si screpolano. I colori a tempera sono maggiormente consigliati per i bambini, perché sono a base d’acqua e formate da pigmenti uniti a sostanze come uovo, colle animali, caseina, gomme vegetali. Il colore acrilico deve essere chiuso bene, altrimenti si secca molto velocemente, a differenza di quanto accade a quelli a tempera.

COME FARE PER LUCIDARE I SASSI

Le pietre di mare devono essere pulite con acqua e sapone neutro, strofinandole con uno spazzolino. Quando il sasso sarà pulito, lo si può levigare passandovi sopra della carta vetrata a grana doppia. In tal modo, si potrà modellare il sasso ed eliminare tutte le imperfezioni. La carta vetrata leviga la pietra ma, ovviamente, lascia dei graffi evidenti. Dopo la levigatura, quindi, bisogna spolverare la pietra e passarvi sopra un ritaglio morbido di cuoio sul quale sia stato versato un prodotto lucidante trasparente. In questo modo la pietra risulterò lucida e brillante.

LEGGI ANCHE: Vecchie tazze e tazzine: tante idee per riutilizzarle con il riciclo creativo

QUANDO LE PIETRE DEL MARE NON VANNO TOCCATE

Accade molto spesso che, dopo una vacanza al mare, ci si porti dietro dei sassi o altri elementi della spiaggia, come ricordo del periodo appena vissuto. Non tutti sanno che esistono luoghi in Italia in cui delle leggi vietano la raccolta di sassi, rocce, minerali e quant’altro. Perciò, quando si va in vacanza, sarebbe meglio informarsi prima sulla presenza o meno di ordinanze regionali che vietano di sottrarre tali oggetti dall’arenile. Esistono sanzioni anche piuttosto salate che incombono su chi osi sottrarre rocce o sassi da particolari posti, come ad esempio la Scala dei Turchi. Questo è un promontorio nella provincia di Agrigento, costituito dalla marna bianca, una roccia sedimentaria che i turisti rubano senza sosta, nonostante le sanzioni salate. In Italia è altresì vietato raccogliere rocce o minerali nei parchi o nelle zone protette. Lo stesso divieto vige anche sulla spiaggia di Portoferraio, dove i turisti prelevano dei sassi punteggiati di nero, i “sassi degli Argonauti”, che caratterizzano il luogo, portandosene via così tanti che la spiaggia sta letteralmente scomparendo.

PER SAPERNE DI PIÚ: Strumenti musicali per bambini, come farli in casa solo con materiale riutilizzato

Share

<