Rimedi naturali dermatite seborroica | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Dermatite seborroica: rimedi naturali e prevenzione

Bere molta acqua. Evitate di lavarvi con saponi e shampoo troppo aggressivi. Usate tessuti naturali per vestirvi. E quanto al cibo...

RIMEDI DERMATITE SEBORROICA

Ne soffrono circa tre milioni di italiani. Si manifesta prevalentemente nella popolazione maschile ma non esclude le donne. È la dermatite seborroica, una tra le più diffuse malattie infiammatorie della pelle. Non si tratta di un disturbo pericoloso per la salute ma, generalmente, suscita un certo fastidio estetico in chi ne è affetto. Per fortuna, però, si può fare molto per tenerla a bada, a partire da una serie di buone abitudini nella vita di tutti i giorni.

LEGGI ANCHE: Dermatite da freddo, evitatela bevendo molta acqua. E indossando abiti con tessuti non sintetici. A tavola abbondate con carote e spinaci

CHE COS’È LA DERMATITE SEBORROICA

Come si deduce dal nome stesso, la dermatite seborroica si manifesta nelle regioni del corpo particolarmente ricche di ghiandole sebacee. Tra le zone soggette alla comparsa della malattia, ci sono quindi cuoio capelluto, sopracciglia, lati del naso e padiglione auricolare. I sintomi della patologia possono presentarsi anche in aree come le parti intime, l’inguine e le mammelle, seppure con minore frequenza. Inoltre, negli uomini la dermatite seborroica può colpire la pelle del torace.

SINTOMI DELLA DERMATITE SEBORROICA

La dermatite seborroica è una dermatite ad andamento cronico-recidivante. Una volta comparsa, tende cioè ad alternare fasi di miglioramento a periodi in cui la sintomatologia si ripresenta in forma più o meno grave. L’andamento è legato anche ai ritmi stagionali. In molti pazienti, infatti, la dermatite seborroica si allevia nei mesi estivi, tornando a manifestarsi nella stagione invernale, sotto l’azione di agenti esterni come umidità, freddo, sbalzi di temperatura tra ambienti esterni e interni, smog e polveri sottili.

La sintomatologia caratteristica della dermatite seborroica include:

  • Infiammazione e arrossamento della cute
  • Presenza di squame bianche o giallastre
  • Pelle untuosa
  • Prurito
  • In alcuni casi, indolenzimento dell’area interessata.

Quando lo stato infiammatorio si presenta sul cuoio capelluto, si può verificare una perdita di capelli, dovuta all’iperproduzione di sebo.

COME CURARE LA DERMATITE SEBORROICA

Il trattamento dermatologico classico prevede l’uso di vari principi attivi, contenuti sia in creme specifiche sia in shampoo. Tra le sostanze più utilizzate ci sono antimicotici, zinco piritione, catrame di carbone, solfuro di selenio e preparati a base di acido salicilico e zolfo. Le terapie tradizionali prevedono inoltre l’uso di cortisone.

PER APPROFONDIRE: Dermatite da sudore, come si evita. E come si cura con rimedi naturali

RIMEDI DERMATITE SEBORROICA

Tuttavia, il trattamento prescritto dal dermatologo può essere affiancato da una serie di accortezze e di rimedi naturali, che permettono di tenere sotto controllo la dermatite seborroica, contrastando le eventuali ricadute. Ecco le buone abitudini da seguire ogni giorno:

  • Mangiate bene

Per combattere la dermatite seborroica, fate attenzione ai cibi che portate a tavola. Date largo spazio a frutta e verdura fresche di stagione, alimenti ricchi di tutti i nutrienti essenziali per mantenere la pelle in salute. Non dimenticate i cibi contenenti biotina. Questa preziosa sostanza, appartenente al gruppo delle vitamine idrosolubili, si trova in alimenti come tuorlo d’uovo, pesce, latte, riso integrale, soia, noci, avena, lattuga, broccoli, spinaci, cavolfiori, piselli, lenticchie e funghi. Se necessario, su consiglio del proprio dermatologo, si può valutare l’assunzione della biotina tramite integratori specifici.

  • Acidi grassi omega 3 e 6

Nell’elenco di sostanze utili per tenere a bada la dermatite seborroica non vanno inoltre dimenticati gli acidi grassi omega 3 e 6, di cui è particolarmente ricco il pesce azzurro. La buona dieta contro questa malattia cutanea prevede poi di eliminare o perlomeno di limitare alcuni cibi. Cercate di non consumare alimenti grassi e fritti, oltre che cibi lievitati come pizza, focacce, torte e snack preconfezionati. Evitate infine le pietanze piccanti, speziate e pepate: provocano vasodilatazione e possono aumentare lo stato infiammatorio.

  • Idratate la pelle

Una cute adeguatamente dissetata dall’interno e dall’esterno equivale a una pelle sana. Bevete almeno due litri di acqua al giorno, affiancandoli a centrifugati di frutta e verdura fresche. Applicate quotidianamente creme o sieri idratanti e protettivi, da scegliere seguendo i suggerimenti del vostro dermatologo di fiducia.

  • Fate attenzione agli abiti

Per evitare di surriscaldare la cute, determinando fenomeni di sudorazione eccessiva, indossate capi realizzati con fibre naturali e traspiranti, come cotone e lino. Fate in modo di non mettere la pelle a contatto con indumenti sintetici. Optate inoltre per abiti comodi e non stretti, per evitare sfregamenti che possano irritare ulteriormente la cute.

  • Curate l’igiene personale

La pelle affetta da dermatite seborroica va detersa scegliendo prodotti delicati appositamente studiati per la malattia. Mettete al bando i detergenti aggressivi e troppo schiumogeni, perché indeboliscono il film idrolipidico, la naturale barriera della nostra cute contro gli agenti esterni, provocando secchezza e aggravando il già delicato quadro. Per lavarvi, usate sempre acqua tiepida: una temperatura esageratamente calda può seccare la pelle, peggiorando lo stato irritativo.

  • Tenete a bada lo stress

Ansia, stanchezza fisica e tensione emotiva prolungate nel tempo agiscono negativamente sulle difese immunitarie. In più, accelerano le funzioni dell’organismo. Ne consegue un aumento della produzione di sebo.

  • Non grattatevi

Malgrado si provi una momentanea sensazione di sollievo, in realtà si cade in una sorta di circolo vizioso. Più ci si gratta, più si sente la necessità di farlo. Il rischio è di graffiare e di lesionare la pelle, aprendo la strada a fastidiose infezioni che peggiorano l’infiammazione.

  • Sfruttate l’azione del sole

I raggi UV garantiscono un effetto antisettico, che facilita la regressione delle lesioni della dermatite seborroica. Sono molte le persone che proprio d’estate conoscono un miglioramento della malattia. In alcuni casi si verifica persino una totale scomparsa della sintomatologia. Attenzione, però. Per beneficiare dell’azione positiva dell’esposizione, il sole va preso con le dovute cautele. Rispettate le regole fondamentali per salvaguardare la vostra pelle, chiedendo consiglio al dermatologo per la scelta del fattore protettivo più adatto alla vostra condizione cutanea.

PREVENZIONE CONTRO LA DERMATITE SEBORROICA

Una buona prevenzione contro la dermatite seborroica varia sulla base dell’età delle persone colpite da questa patologia. Nel caso di un neonato, se la zona colpita è quella del pannolino è bene consultare il pediatra per verificare se ci sono particolari allergie. Per i bambini e per gli adolescenti è opportuno l’uso di uno shampoo antiforfora, senza esagerare: basta e avanza una volta alla settimana. I medici raccomandano di evitare lavaggi e bagni troppo frequenti ai bambini, in quanto l’uso eccessivo di saponi e shampoo impoveriscono la pelle degli strati esterni che la proteggono. Un’altra forma di prevenzione utile è quella di evitare di grattarsi, quando appare il primo prurito: si rischia solo di peggiorare la situazione. Meglio utilizzare una crema naturale a base di solfuro di selenio per eliminare la fastidiosa sensazione del prurito.

LA DERMATITE SEBORROICA SI PUÒ ELIMINARE PER SEMPRE?

Come buona parte dei problemi che hanno a che fare con la dermatologia, anche la dermatite seborroica difficilmente si può eliminare per sempre. Certamente una buona prevenzione, con le indicazioni che abbiamo dato, e una buona terapia, anche solo con rimedi naturali se funzionano, aiutano a fare in modo che il problema non si ripresenti con continuità. In ogni caso, ricordate che i prodotti che si sono mostrati più efficaci contro la dermatite seborroica sono quelli a base di zinco piritione e di solfuro di selenio.

CIBI DA EVITARE PER LA DERMATITE SEBORROICA

Ci sono cibi che le persone esposte al rischio di dermatite seborroica devono assolutamente ridurre o evitare. Cibi lievitati: pane, pizza, focacce e snack confezionati. Latte, latticini e derivati: possono peggiorare l’irritazione della pelle. Fritti e carne rossa, che contiene una percentuale alta di grassi saturi che possono incidere sull’irritazione della pelle. Cibi piccanti e pepati: dilatano i vasi capillari e possono contribuire alla formazione di macchie sulla  pelle. Bevande superalcoliche che hanno calorie destinate a sommarsi a quelle che l’organismo non riesce a smaltire.

CIBI DA ASSUMERE PER LA DERMATITE SEBORROICA

Al contrario, ci sono alcuni cibi che fanno molto bene alla pelle, innanzitutto per il fatto che contengono acqua. Frutta, verdura e ortaggi, con l’eccezione di pomodori, pesche e fragole. Tutti i cibi ad alto contenuto di proteine e di Omega 3, a partire dal pesce. Cibi che contengono la biotina, una vitamina capace di favorire il metabolismo dei pasti. Tra i cibi ben forniti di biotina, ricordiamo il riso, i cereali integrali, il fegato, le carote e i cavoli.

RIMEDI NATURALI PER LA CURA DI PELLE E CAPELLI:

  1. Smagliature: le cause di un inestetismo della pelle molto diffuso e i rimedi naturali per affrontare il problema, a partire da sport e alimentazione
  2. Pulizia del viso: dal massaggio alle creme giuste, semplici accorgimenti che rendono la pelle sana, luminosa e bella
  3. Shampoo e balsamo fai da te: preparazioni e consigli utili per la cura dei capelli
Share

<