Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

La truffa della tara. Il cibo in un piatto, il salume in una vaschetta: tutto si pesa e tutto si paga

Controllate, quando fate la spesa, come vengono pesati gli alimenti che acquistate. Dovete pretendere la tara e fermare i commercianti scorretti. A Torino sei supermercati sono finiti sotto inchiesta

Condivisioni

TRUCCO DELLA TARA

Fate un esperimento. Entrate in una tavola calda, anche una salumeria ben attrezzata per servire pasti durante la pausa di lavoro, e ordinate un primo e un secondo. Poi controllate che cosa finisce sulla bilancia per emettere lo scontrino. In genere, ecco il trucco della tara, su quella bilancia ci finiscono anche piatti, vaschette e contenitori. Tutta roba che poi il consumatore paga. Tutta roba che il consumatore non dovrebbe pagare.

LEGGI ANCHE: Bicchieri da caffè, arriva una nuova tassa. Ma l’ambiente pulito lo devono pagare i consumatori?

COMMERCIANTI SCORRETTI

A parte l’evidente spreco di materiali e di soldi, qui siamo proprio al sottile confine con la truffa. A Torino, alcuni mesi fa, ben sei supermercati sono finiti sotto inchiesta: gonfiavano gli scontrini dei clienti addebitando anche il peso dei contenitori. L’imbroglio della tara è semplice, ma sarebbe altrettanto semplice evitarlo. Senza fare scenate o andare subito da qualche vigile urbano per protestare, di fronte al commerciante scorretto o anche al commesso del supermercato che sta eseguendo ordini superiori, usate la potente arma della persuasione. Fate capire che avete capito. Basta una frase, anche con un pizzico di ironia che in questi casi non guasta mai. Una frase tipo questa: «Scusi, ma qui si pagano anche i piatti?».

PESO ALIMENTI FALSATO

Mentre arrivano nuove tasse su ecoshopper e contenitori vari, i consumatori continuano a subire una sorta di salasso strisciante. La scena che vi ho raccontato, personalmente l’ho vista tante volte e in diverse città, è la stessa che va in onda nelle pescherie, nelle salumerie, nelle drogherie, dove c’è qualcuno che gioca a fare il furbo. Avete presente quanti fogli di carta plastificata vi piazzano nella busta quando vi preparano un etto di prosciutto? Ha un senso pagare una vaschetta per comprare il pane? Ecco, per difenderci dalla truffa della tara, non aspettiamo controlli, norme, e multe. Facciamo da noi. E fermiamo i furbi.

COME FARE LA SPESA CON IL MASSIMO RISPARMIO

Spesa al discount, quando davvero conviene. Ecco i prodotti da scegliere e gli sconti veri

Supermercati: i trucchi che ci convincono a spendere di più quando facciamo la spesa

Spesa e confezioni mini, ma siamo sicuri che davvero convengono? O qualcuno bluffa?

Spesa a chilometro zero, come farla evitando possibili truffe e risparmiando