Trucchi dei supermercati per convincerci a spendere di più - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come siamo attratti alla spesa nei supermercati. Telecamere, sensori, algoritmi. E anche i commessi

L’intelligenza artificiale ormai orienta le nostre scelte nella grande distribuzione. Con qualche colpo alla privacy. E con il rischio di fare acquisti anche inutili

TRUCCHI DEI SUPERMERCATI

Telecamere. Microfoni. Algoritmi. La tecnologia, attraverso la porta dell’intelligenza artificiale, è sempre più utilizzata, talvolta con palesi violazioni della privacy, per attrarre i clienti dei supermercati verso una spesa. Anche non necessaria, anche uno spreco.

Chi di noi mentre era in fila per pagare al supermercato non si è lasciato convincere dalle barrette al cioccolato, dalle caramelle o dagli snack collocati proprio accanto alla cassa? Prodotti non indispensabili per la nostra dieta quotidiana e collocati strategicamente proprio per essere notati anche se stiamo facendo la spesa in tutta fretta magari durante la pausa a lavoro o la sera prima di rientrare a casa.

COLLOCAZIONE PRODOTTI NEI SUPERMERCATI

La collocazione strategica di determinati prodotti è infatti una delle tecniche adoperate nei punti vendita per invogliarci a comprare anche determinati prodotti non pianificati nella nostra lista della spesa. Alcuni marchi, ovviamente chi può permetterselo, pagano per avere una collocazione migliore della propria merce sugli scaffali del supermercato. Per il resto è il gestore che analizza, grazie agli algoritmi, quale merce suscita maggiore attenzione, a che ora e sulla base di quali (presunte o reali) necessità.

LEGGI ANCHE: Come fare bene la spesa al supermercato, ecco gli errori da evitare per non sprecare denaro

COME CONVINCERE IL CLIENTE A COMPRARE: TECNICHE DI VENDITA

Anche se non c’è nulla di male nel cercare di convincere il cliente ad acquistare qualcosa in più dal momento che alla fine siamo sempre noi a decidere consapevolmente cosa comprare e cosa no, vediamo insieme quali sono gli stratagemmi adoperati dai diversi punti vendita per indurci all’acquisto:

  • Innanzitutto, uno degli stratagemmi più utilizzati e non solo nei supermercati e di cui vi abbiamo già parlato è la presenza del numero nove nel cartellino del prezzo. L’uso reiterato di questo numero è legato al fatto che il nostro cervello tende a ridurre il tempo di elaborazione di un’informazione e questo si verifica soprattutto in ambienti pieni di stimoli come i supermercati o i grandi magazzini. E così ci sembra di spendere meno.
  • Avete notato inoltre che a volte rintracciare il sale, la farina o il pangrattato diventa abbastanza complicato? Accade perché la disposizione degli alimenti nei diversi scaffali è pianificata in maniera tale da indurci a percorrere, anche più volte, le corsie del supermercato alla loro ricerca: così, tra uno scaffale e un altro magari potremmo anche trovare qualcosa a cui proprio non avevamo pensato.
  • Per contrastare la concorrenza, i diversi punti vendita tendono inoltre a offrire determinati prodotti a prezzi scontatissimi: in questo modo cercano di convincere il cliente che nel loro punto vendita è possibile risparmiare sui costi della spesa. In realtà, per compensare il prezzo ribassato vengono alzati quelli di altri prodotti.
  • E parliamo ora delle offerte paghi uno e prendi due e così via di cui bisogna approfittare solo se sappiamo che poi riusciremo effettivamente a consumare quel determinato prodotto. È inutile riempire il frigorifero di prodotti freschi in offerta se poi trascorriamo la maggior parte del tempo fuori casa e non abbiamo il tempo di consumarli: è solo uno spreco di cibo e denaro.
  • Le vetrine dei supermercati , specie quando si tratta di prodotti conservati in grandi frigoriferi, sono oggetto di analisi molto accurate da parte dei gestori. Grazie a telecamere, sensori e riconoscimenti facciali, ognuno di noi è passato ai raggi X: quando ci fermiamo e per quale prodotto ci fermiamo, che cosa guardiamo e da che cosa siamo più attirati. Dove l’intensità della nostra attenzione è più forte.
  • Infine, chi di noi non ha il portafoglio pieno di carte fedeltà. Ci permettono infatti di usufruire di determinate offerte riservate solo ai clienti in possesso delle tessere fedeltà e ci consentono di accumulare punti che si convertono poi in premi o sconti sulla spesa. Ovviamente, una volta che si è in possesso della carta fedeltà e si è interessati ai prodotti della raccolta punti, si tende a ritornare sempre nello stesso punto vendita.

I COMMESSI PIÙ ABILI PER ATTRARRE CLIENTI

Anche se non avvertite la loro presenza, sono molto bravi a non risultare invadenti, i commessi nei supermercati ci seguono come delle ombre. Accompagnano i nostri passi nella giungla della spesa e possono orientarci verso uno specifico acquisto. Magari solo rispondendo ad una domanda che abbiamo fatto. Allo stesso tempo, ancora una volta attraverso sensori e algoritmi è possibile stabilire in un singolo punto vendita quali sono i commessi più abili, quali sono quelli che riescono a convincere meglio i clienti e chi è capace di fare con più efficacia gioco di squadra. Sono valutazioni importanti sulla base delle quali i titolari dei supermercati prendono poi decisioni strategiche sul personale: per esempio, i turni di lavoro, concentrando i più abili negli orari di maggiore traffico all’interno del punto vendita. E di maggiori acquisti da incentivare.

POSTI ALTERNATIVI DOVE FARE LA SPESA:

Shares

LEGGI ANCHE: