Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Orologiai: salviamo un mestiere che le multinazionali vogliono cancellare

Ne sono rimasti soltanto 600 in tutta Italia. Il motivo? Le grandi aziende degli orologi si rifiutano di dare ai laboratori indipendenti i pezzi di ricambio. E così uccidono i concorrenti.

da Posted on
Condivisioni

SCOMPARSA ANTICHI MESTIERI –

C’è un mestiere che sta scomparendo in Italia, eppure eravamo tra i più bravi in questo settore. Parliamo degli orologiai: ne sono rimasti non più di 600 in tutto il Paese, e si stanno ulteriormente riducendo.

LEGGI ANCHE: Piazza dei Mestieri, dove si insegna ai giovani a non sprecare talenti e competenze

SCOMPARSA MESTIERE DELL’OROLOGIAIO –

Il motivo di questa crisi è legato a una mossa prepotente delle multinazionali dell’orologio che si rifiutano di dare ai laboratori indipendenti le parti necessarie per le riparazioni. Il motivo è ovvio. Le grandi aziende intendono controllare in modo diretto e senza la concorrenza di bravi artigiani, anche il settore della riparazione e della manutenzione degli orologi. Così quando un cliente si trova nella necessità di riparare il suo orologio, deve lasciarlo al punto vendita della multinazionale che poi lo manda direttamente ai laboratori della casa madre. E pazienza se il conto per il consumatore è molto più salato.

IL MESTIERE D’ARTE DELL’OROLOGIAIO –

Inoltre in questo modo le multinazionali inducono i loro clienti a cambiare l’orologio, e possono venderne sempre di nuovi. Con la classica formula di rito: «Invece di riparare il suo, le conviene acquistare un nuovo modello…». Un doppio spreco. Da un lato infatti si sta distruggendo il capitale umano di una piccola nicchia di abilissimi artigiani e professionisti,  dall’altro si mette il consumatore con le spalle al muro per farlo diventare prigioniero delle multinazionali.

PER APPROFONDIRE: Made in Testaccio, una fabbrica creativa che ricicla scarti e materiale urbano