Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

La politica è una lotta per la felicità di tutti (Pepe Mujica)

In un libro la straordinaria avventura di un uomo che ha testimoniato un modo nuovo di fare politica. Presidente dell’Uruguay per cinque anni, Mujica è un simbolo di leader politico che riesce ancora a pensare agli altri.

di Posted on
Condivisioni

PEPE MUJICA

La storia di Pepe Mujica è un esempio straordinario, quasi unico al mondo, di che cosa significa la politica quando viene svolta al servizio degli altri. Dopo tredici anni di carcere e una lunga militanza nella clandestinità, Mujica è stato per cinque anni (dal 2010 al 2015) presidente dell’Uruguay, dove è riuscito a ridurre sensibilmente la povertà del suo popolo, e ha esercitato un fascino andato ben oltre i confini del suo Paese e dell’intera America latina.

LEGGI ANCHE: Non sprecare la vita, inseguendo solo soldi, cose e potere, una lezione sudamericana

LA POLITICA SECONDO PEPE MUJICA

Un concentrato della sua storia e del suo pensiero politico è contenuto nel libro Una pecora nera al potere (gruppo editoriale Lumi), scritto dai giornalisti Andrés Danza ed Ernesto Tulbovitz. Ecco alcune delle affermazioni più incisive e utili di Mujica.

Avvenire. «La vita è avvenire, non è passato, tutto ciò non significa che il passato non esista. Il passato c’è, ma quello che è determinante è il futuro. È questo ciò che ti dà la capacità di dimenticare, anzi di superare ciò che hai vissuto».

I bar del quartiere. «Continuo ad andare nei bar del mio quartiere e mantengo gli stessi amici che avevo prima. La maggior parte della gente mi chiama “Pepe”, non presidente. Per fortuna».

Poveri. «Non sono soltanto quelli che vivono nella miseria. Poveri sono anche quelli che rincorrono solo i soldi, perché vivono come dei prigionieri».

Senso comune. «Una delle principali fonti di conoscenza, anche per un uomo politico, è il senso comune. Se metti l’ideologia al di sopra della realtà, allora la realtà improvvisamente ti arriva come un pugno e ti fa rotolare per terra. Io devo lottare per migliorare la vita delle persone nella realtà concreta di oggi, e non farlo è immorale».

La politica. «Una lotta quotidiana per la felicità di tutti. E da politici dobbiamo vivere come fa la maggior parte della gente, non come vive una minoranza».

Il potere. «Mostra le persone per quello che sono davvero».

Le sconfitte. «Nella vita sei sconfitto la maggior parte delle volte; ma bisogna rialzarsi e continuare».

Accumulare. «Accumulare con ossessione soldi, cose e potere è roba da matti».

(Credits immagine di copertina: ymphotos / Shutterstock.com)

VALORI DA RECUPERARE, ANCHE PER IL BUON FUNZIONAMENTO DELLA POLITICA:

  1. Il valore dell’onestà non è solo una questione di soldi o di cervello. Ecco perché dilaga la corruzione
  2. Obbedienza, perché dobbiamo considerarla una virtù. Senza conformismo ma con umiltà
  3. Volete creare? Sognate. È il momento della pulizia del cervello e delle migliori intuizioni
  4. Modestia, la sua forza rivoluzionaria. In un mondo dominato dal carrierismo