Questo sito contribuisce alla audience di

Alla ricerca dei frutti antichi, un’archeologa contadina difende le piante del passato

Isabella Dalla Ragione ha dedicato la sua vita allo studio e alla ricerca delle piante dimenticate. La susina scosciamonaca, la pera fiorentina, la mela a muso di bue sono solo alcune di quelle che coltiva nella sua tenuta di San Lorenzo di Lerchi in Umbria

Alla ricerca dei frutti antichi, un’archeologa contadina difende le piante del passato
di
Condivisioni

COLTIVARE FRUTTI ANTICHI–

Nell’Alta Valle del Tevere, precisamente sopra il paesino di San Lorenzo di Lerchi in Umbria, c’è una tenuta dove le piante del passato crescono rigogliose dando frutti rarissimi. Un luogo dove una parte dimenticata del nostro patrimonio di biodiversità continua a vivere nonostante la gran parte di noi non ne abbia mai sospettato l’esistenza. Si tratta della Fondazione Archeologia Arborea, nata dall’impegno di Isabella Dalla Ragione e prima di lei di suo padre Livio.

LEGGI ANCHE: Ron Finley, il giardiniere che trasforma i terreni incolti di Los Angeles in orti urbani

PIANTE IN ESTINZIONE –

La susina scosciamonaca, la pera fiorentina, la mela a muso di bue, la ciliegia limona, il fico gigante degli zoccolanti o quello rondinino di San Sepolcro. Queste sono solo alcune delle specie che l’archeologa delle piante, come si ama definire Isabella Dalla Ragione, ha scovato e piantato. Oggi la tenuta vanta 440 piante e 150 varietà di frutti nel ed è equamente divisa in quattro ettari di bosco e quattro di frutteto. La ricerca è iniziata con il signor Livio Dalla Ragione trent’anni fa e ha dato il via a questo processo di studio, riproduzione e una nuova diffusione in una vera e propria opera di salvaguardia del nostro patrimonio di biodiversità. Questo straordinario risultato è frutto di un grandissimo lavoro di ricerca sui libri e sul campo. La famiglia Dalla Ragione, infatti, ha spaziato dagli antichi archivi dimenticati e i vecchi manuali latini di agricoltura, come quelli di Varrone e Plinio, a delle vere e proprie spedizioni in poderi abbandonati o nei vecchi orti dei monasteri, soprattutto quelli di clausura. I risultati maggiori, però, gli “Indiana Jones della frutta” li hanno raggiunti andando a cercare i vecchi contadini. Questi ultimi, infatti, sono stati in grado, non  non solo di indicare le piante dimenticate, ma anche di trasmette le conoscenze popolari per ricostruirne la coltura e la storia.

ALCUNE DEI FRUTTI COLTIVATI NELLA TENUTA

La foto sono tratte dalla pagina Facebook della Fondazione Archeologia Arborea

CONTADINA ARCHEOLOGA –

Tutti questi anni di ricerca e di semina hanno permesso di costituire all’interno della tenuta di di S. Lorenzo di Lerchi, a Città di Castello, un “frutteto collezione” da visitare, odorare, assaggiare. Le piante al suo interno sono coltivate con i sistemi tradizionali e inserite in un paesaggio agricolo di antica sapienza. Oggi questo museo delle piante ha guadagnato meritatamente la giusta notorietà tanto che diventato meta di numerose celebrità che hanno preso la bella abitudine di adottare una pianta dopo la loro visita. Gerard Depardieu, ad esempio, ha deciso di prendersi cura della pera ‘mbriaca.

La foto di copertina è tratta dalla pagina Facebook della Fondazione Archeologia Arborea

PER APPROFONDIRE: Orti urbani, una rivoluzione verde si propaga in Italia: triplicate le coltivazioni in città

Ultime Notizie: