Smartphone sostenibile: con la batteria LightCharge è possibile - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Grazie ad una batteria anche lo smartphone diventa sostenibile

L'invenzione della startup Twinheads di Padova: una batteria portatile per smartphone che si ricarica direttamente utilizzando la bici. Un collegamento pratico e leggero tra innovazione e sostenibilità.

SMARTPHONE SOSTENIBILE – Una delle principali contraddizioni della globalizzazione è rappresentata dal fatto che le persone mediamente più informate sui rischi comportati dagli sprechi di energia sono anche i maggiori consumatori di energia. Gli smartphone e i computer, strumenti di diffusione di campagne mondiali come quella a favore di un futuro sostenibile, consumano infatti elettricità con grande voracità, e molto spesso i proprietari di smartphone comprano batterie portatili per non rischiare di rimanere offline. E se la ricarica degli smartphone non venisse dalla corrente di casa o dell’ufficio, ma da una fonte sostenibile?

LEGGI ANCHE: Dieci modi per risparmiare energia con il cellulare

IL CARICABATTERIE CHE SI ALIMENTA DALLE DINAMO PER BICI – Davide Tagliaro è uno dei fondatori della società Twin Heads Srl, una startup di Padova che si occupa di piccole tecnologie innovative a zero impatto ecologico. Questa startup ha inventato “Lightcharge”, un piccolo caricatore per smartphone e cellulari che si alimenta dalle dinamo per bici. Pesa solo 24 grammi ed ha già avuto successo in tutto il mondo particolarmente in quello anglosassone: l’abbinamento tra il caricatore e le bici fa sì che non ci si debba preoccupare di restare senza energia nel proprio cellulare lungo i percorsi cittadini.

PER APPROFONDIRE: Ricaricare cellulare e tablet pedalando, il sistema Webike

IL CARICABATTERIE LIGHTCHARGE – Il turista può tenere acceso il proprio GPS, notoriamente grande consumatore di energia, per girare la città. Inoltre può alternativamente caricare le batterie della videocamera o della macchina fotografica digitale, se dotate di presa USB. Lightcharge si attiva già a basse velocità: con le dinamo al mozzo o a bottiglia, già installate sulle biciclette, raggiunge la massima potenza a 12-13Km/h, una velocità alla portata di tutti senza fatica. Inoltre il dispositivo ricarica anche da corrente continua e quindi, con l’inserimento di cavi di collegamento dedicati, può essere alimentato dall’auto o dalla barca in quanto removibile e portatile.

PER SAPERNE DI PIU’: Tagliare la bolletta, efficienza energetica e fotovoltaico One Way

IL CARICABATTERIE LIGHTCHARGE CONTRO GLI SPRECHI – Lightcharge possiede caratteristiche peculiari che lo rendono innovativo e soprattutto ecologico in quanto: è rimovibile e quindi facilmente trasportabile in tasca o in borsa e utilizzabile, ricarica cellulari da comuni batterie anche quelle scariche recuperando l’energia residua che andrebbe altrimenti sprecata (molto importante sia a livello ecologico sia come risorsa in situazioni di emergenza) ma soprattutto mette in pratica una delle principali sfide del XXI secolo: coniugare innovazione e sostenibilità attraverso lo sviluppo di nuove forme di efficienza energetica e il taglio degli sprechi nei consumi quotidiani.

LEGGI ANCHE: La startup che insegna alle imprese a non sprecare energia

Il progetto è in concorso per l’edizione 2014 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

Shares

LEGGI ANCHE: