Questo sito contribuisce all'audience di

Nelle scuole della Germania si studia come tutelare l’ambiente. E in Italia?

Dopo il Giappone, la Svezia, il Regno Unito e gli Stati Uniti, anche in Germania c’è una regione, la Renania settentrionale – Westfalia, che ha deciso di inserire l’ambiente tra le proprie materie scolastiche.

Condivisioni

Buone notizie per un futuro all’insegna del rispetto dell’ambiente in cui viviamo: aumentano ogni giorno di più i Paesi che, accanto alle materie scolastiche più tradizionali, hanno inserito anche la sostenibilità ambientale nei propri programmi.

LEGGI ANCHE: Aria pulita a scuola, e le assenze degli studenti crollano

EDUCAZIONE AMBIENTALE NELLE SCUOLE TEDESCHE Dopo il Giappone, la Svezia, il Regno Unito e persino gli Stati Uniti dove tra i banchi delle scuole medie e superiori si studiano i cambiamenti climatici, anche in Germania c’è una regione, la Renania settentrionale – Westfalia, che ha deciso di inserire l’ambiente tra le proprie materie di studio.

In Germania infatti, l’educazione scolastica è un ambito che esula dai poteri del governo centrale ma che dipende dalle decisioni portate avanti dalle singole regioni. Così la Renania settentrionale – Westfalia ha aderito al progetto “Schule der Zukunft” (Scuola del futuro), avviato nel 2009 e che oggi conta l’adesione di 650 scuole.

A Colonia ad esempio, non solo si studia il rispetto dell’ambiente ma si insegna anche agli studenti come coltivare un orto e si organizzano gite nei boschi per spiegare loro come riconoscere e rispettare i diversi tipi di piante.

Ma non solo: sono diversi gli istituti scolastici dotati di strutture per l’approvvigionamento energetico da rinnovabili.

PER SAPERNE DI PIU’: Buone pratiche a scuola, a Novara il cibo non si spreca

LO STUDIO DELLA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE NELLE SCUOLE ITALIANE – La sostenibilità diventa quindi un tema centrale e non più un argomento affrontato in maniera superficiale come spesso accade nelle scuole italiane.

Nel nostro Paese infatti, per ora l’ambiente non è ancora una delle principali materie di studio. Per l’approfondimento e lo studio delle diverse tematiche legate alla conoscenza, alla tutela e alla valorizzazione del nostro patrimonio naturale si fa ricorso alle iniziative di associazioni ed enti privati come il progetto scuole 2013/2014 di Wwf. Obiettivo principale: insegnare agli studenti di tutte le età a vivere in maniera ecologica e sostenibile, un’iniziativa a cui ogni anno aderiscono circa 4mila classi.

LE INIZIATIVE DELLE SCUOLE ITALIANE A FAVORE DELLA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE – E mentre aumentano da più parti le richieste per rendere la sostenibilità una materia di studio a tutti gli effetti, sono numerose le scuole che portano avanti singoli progetti dedicati al risparmio energetico o al recupero dei materiali.

In Lombardia, diverse scuole hanno aderito al progetto di Ecolamp, il Consorzio per il recupero e lo smaltimento di apparecchiature di illuminazione, per la raccolta delle lampade a basso consumo esauste.

A Caltanissetta invece, c’è una scuola che per far fronte ai tagli al servizio di trasporto degli studenti ha trovato una soluzione economica e a impatto zerorifornire lo scuolabus con biodiesel ricavato dal recupero e dalla trasformazione dell’olio esausto delle fritture casalinghe.

Si trova infine a San Frediano a Settimo, nel comune di Cascina in provincia di Pisa, la scuola dell’infanzia ecosostenibile realizzata in legno e con un consumo energetico praticamente nullo se si tiene conto che l’edificio impiega appena 28 kWh/mq annui.

Tante belle iniziative in attesa che presto, anche nel nostro Paese, la sostenibilità ambientale si trasformi in una materia di studio. E se conoscete altre scuole ecosostenibili e virtuose non esitate a segnalarcele.

PER APPROFONDIRE: Cibo spazzatura: a New York la prima scuola con mensa vegetariana

LEGGI ANCHE: