Questo sito contribuisce all'audience di

Buone pratiche a scuola: a Novara il cibo non si spreca

In alcune scuole di Novara gli alimenti avanzati nelle mense vengono recuperati e donati ai bisognosi. Un esempio delle buone pratiche per non sprecare cibo

Condivisioni

Avete presente le colazioni dei ragazzi che avanzano? La quantità di pane e di frutta che nelle scuole finisce nella spazzatura o gli interi piatti delle mense che nessuno tocca? A Novara, in alcuni istituti della città, come ad esempio nella scuola “Fratelli di Dio” di via Cagliari 5, il cibo non si spreca.

Tutto quello che non viene consumato, viene raccolto da un gruppo di volontari e poi, due volte alla settimana, distribuito alle associazioni che si occupano di assistenza ai poveri sul territorio.

LEGGI ANCHE: Zero sprechi a Torino, gli avanzi delle mense scolastiche vanno ai poveri

Il progetto si chiama “Siticibo”, è sviluppato in collaborazione col Banco Alimentare ed è ispirato all’idea di non sprecare cibo. Un programma di buone pratiche che, dopo essersi rivolto ad aziende e ristorazione, si è allargato anche ad altre istituzioni, come le scuole.

Atteggiamenti virtuosi che confermano la nuova sensibilità che si va affermando sul problema degli sprechi alimentari, con enti, istituzioni e singoli cittadini che si organizzano per contrastare il fenomeno.

PER CONOSCERE LA CUCINA NON SPRECONA: Risparmiare in cucina: dalla spesa al menu

Si va dal progetto CREA che a Genova, grazie anche alla collaborazione del Comune, permette di recuperare dai mercati della zona le eccedenze alimentari e donarle a chi ha più bisogno, alle piattaforme online di foodsharing, fino a singoli quartieri che hanno pianificato autonomamente la raccolta degli alimenti da salvare.