Rileggere un libro, un piacere da assaporare - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Rilettura, un piacere che ogni volta è diverso. Rileggere un libro non è uno spreco di tempo

I romanzi classici si prestano molto bene a ritrovare vecchie emozioni e scoprirne di nuove. Ogni lettore attento è per sua natura un rilettore

Quante volte avete riletto lo stesso libro? E come è cambiata la percezione che ne avete avuto? Molte persone, sbagliando, fanno l’errore di escludere questa possibilità, e vogliono sempre testi nuovi, non hanno interesse per la rilettura che considerano tempo sprecato.

RILEGGERE UN LIBRO

E invece lo spreco è l’opposto, ovvero rinunciare a priori al piacere più sottile, più profondo, e quindi pieno di potenziali sorprese, di una nuova lettura di un libro. Come di una nuova visione dello stesso film che abbiamo guardato in un altro periodo della nostra vita.

LEGGI ANCHE: Lettura, una terapia naturale per eliminare ansia, malumore e stress

IL PIACERE DI RILEGGERE UN LIBRO

Sempre partendo dal presupposto che la lettura è un piacere, escludendo ovviamente quella per studio o per lavoro, la rilettura è un doppio piacere. Andando avanti nel testo, infatti, vedrete che riaffiorano le emozioni della prima volta, alle quali però si sommano nuove curiosità, nuovi interessi. E nuovi piaceri. Si rivivono momenti e profumi del passato e se ne aggiungo altri, nel presente.

La rilettura si presta molto bene all’eternità dei classici. Se prendete gli autori del Grande Romanzo ottocentesco, e avete solo l’imbarazzo della scelta, dai francesi ai russi, dai vittoriani ai tedeschi, scoprirete che leggere Balzac o Tolstoj non stanca mai. Semmai, a età differenti corrispondo anche scoperte differenti: pagine che avevate quasi ignorato, diventano decisive. Personaggi che consideravate secondari, prendono il centro della scena.

Vivi lieve per acquisti online

Per acquistare “Vivi Lieve”
basta un click qui

C’è perfino una terapia delle rilettura dei classici. Quando ci sente tristi, o di cattivo umore, riprendere tra le mani un classico, immergersi di nuovo nelle sue atmosfere e in quella sfera di piaceri che ci ha donato in passato, aiuta a migliorare il nostro stato d’animo. Il libro classico è una garanzia e come tale non ha alcuna scadenza, ma si rinnova ogni volta che lo leggiamo o rileggiamo.

RILEGGERE LIBRI GIÀ LETTI

Il doppio piacere della rilettura si applica non solo alla narrativa a cavallo tra Ottocento e Novecento, ma può riguardare qualsiasi libro che ha lasciato un segno. O è passato indifferente nella prima lettura. E ogni lettore di libri, attento e neanche troppo compulsivo, è per sua natura un rilettore. Sa bene che esiste una prima volta, talvolta anche con le sue fatiche, e possono esistere tante altre volte, con le quali la nostra curiosità ci consente di spaziare a tutto campo nell’universo dello scrittore.

Dunque rileggere è ritrovarsi. Con il libro, con il suo autore, con le nostre emozioni. Ma è anche scoprire ex novo, magari un dettaglio che ci era sfuggito o avevamo trascurato. E le scoperte, quando si tratta di libri e dell’accompagnamento che ci fanno durante la vita, hanno tutte un capolinea: il piacere più totale.

COME FAR INNAMORARE I NOSTRI FIGLI DELLA LETTURA

Shares