Libri da leggere ai bambini - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come avvicinare i bambini alla lettura

Dare l’esempio, ma non imporre libri. Leggere qualche storia ad alta voce. Dieci titoli che possono essere utili

La lettura è innanzitutto un piacere. E poi diventa, nel tempo, un’abitudine. Bisognerebbe avere sempre in testa questa bussola quando cerchiamo di avvicinare i bambini alla lettura, provandoli a scoprire un universo nel quale ritrovarsi. Senza forzature. Esiste un metodo, che parte da alcuni consigli molto pratici, semplici ed efficaci.

COME AVVICINARE I BAMBINI ALLA LETTURA

I consigli utili per avvicinare i bambini alla lettura sono cinque.

  • Dare l’esempio

Genitori che leggono (con piacere e con frequenza), una casa abitata anche dai libri: sono segnali che rappresentano un ottimo inizio per avvicinare i bambini alla lettura. Gli effetti dei grandi sui piccoli sono due. Il primo riguarda semplicemente l’emulazione: quante cose i bambini imparano, nel bene e purtroppo anche nel male, seguendo l’esempio dei genitori? La lettura può diventare una di queste cose. In secondo luogo, osservando i genitori appassionarsi alla lettura, farlo per esempio la sera prima di addormentarsi, il bambino vede crescere la sua curiosità. E allora è probabile che segua l’esempio dei genitori.

  • Leggere, anche favole e piccole storie

Vi abbiamo già parlato dell’importanza di leggere le favole ai bambini: oltre che non sprecare l’occasione di passare del tempo assieme a loro in maniera costruttiva ed educativa, una rapporto della London School of Education dimostra che i bambini a cui vengono lette spesso delle favole sono più bravi dei loro compagni di classe in matematica e inglese. Purtroppo questo rito si è andato spegnendo: cercate di riaccenderlo di tornare all’antica e buona abitudine di leggere qualcosa, anche piccole storie, in compagnia dei bambini.

LEGGI ANCHE: Benefici della lettura, elimina stress e malumore. Aumenta l’empatia e migliora le relazioni con gli altri

COME INVOGLIARE I BAMBINI ALLA LETTURA

Invogliare non è un sinonimo di imporre. Anzi. È un modo per accompagnare una persona, in questo caso più piccola e meno esperta di noi, lungo un percorso che poi magari potremo condividere. Il piacere della lettura, in questo caso.

  • Guidare non imporre

Lasciate liberi i bambini, già quando sono molto piccoli, di fare in santa pace le loro scelte in materia di letture. Non siate incalzanti con le proposte, non date la sensazione di avere in tasca le chiavi della verità e limitatevi a guidare i bambini, senza imporre nulla. Potrebbe essere controproducente. Piuttosto, portateli in libreria quando andate a fare i vostri acquisti, e fateli scorrazzare nei reparti più affini alla loro età. Troveranno sicuramente qualcosa di interessante.

  • Libri più grandi della loro età

Non siate troppo fiscali con le scelte dei libri dei bambini legati alla loro età. Ognuno ha i suoi tempi e il suo percorso di crescita. Un bambino piccolo può avere interessi per la lettura di libri sulla carta più adatti a ragazzi più grandi. Nulla di male, anzi. Anche gli approcci al libro devono essere diversi, per esempio da un film può nascere la curiosità per un libro, e trasversali dal punto di vista dei generi. Fumetti, gialli, avventure: tutto può essere utile per scoprire il piacere della lettura.

  • L’aiuto della tecnologia

La tecnologia può aiutare i bambini ad avvicinarsi alla lettura: è complementare e non alternativa alla lettura. Innanzitutto attraverso strumenti specifici, come e-readers e tablet, e poi per il fatto che navigando su Internet un bambino può scoprire un contenuto dal quale nasce poi l’interesse per un libro. In pratica: la tecnologia, rispetto alla lettura, è allo stesso tempo un’esca e un’opportunità. Non sprechiamola.

  • Rispettare la privacy

Non andate a ficcare il naso nelle letture dei vostri figli, è una forma di violenza. Lasciateli liberi di leggere da soli, in silenzio, nella loro stanza op dove preferiscono. E quello che vogliono. Semmai, e solo se ne hanno voglia, commentate un libro che avete letto tutti.

PER APPROFONDIRE: Rilettura, un piacere che ogni volta è diverso. Rileggere un libro non è uno spreco di tempo

LIBRI DA LEGGERE AI BAMBINI

Approfittate di qualsiasi momento di pausa e di minori impegni, per incominciare questo piccolo rituale con i vostri figli: leggete loro anche solo un paio di pagine di un buon libro, è un modo semplice per stare insieme e stimolare la loro creatività e fantasia. Per orientarci nella molteplicità dell’offerta abbiamo chiesto a degli esperti del settore di consigliarci dieci libri vicini alla sensibilità di Non sprecare: Barbara Schiaffino, direttrice della rivista  ANDERSEN, il mensile italiano di informazione sui libri per bambini e ragazzi, ha selezionato 10 titoli per noi.

LIBRI DA LEGGERE AI FIGLI

  • Il rinoceronte di Rita

Uno dei temi declinati con più efficacia negli albi illustrati è il rapporto tra bambini e animali, cuccioli di specie diverse, alla ricerca di medesime avventure. Il rinoceronte di Rita (Camelozampa, pp. 32, euro 15,00, dai 3 anni) racconta proprio l’amicizia tra una bambina, Rita, e il suo nuovo animale da compagnia, un ingombrante rinoceronte. L’impossibile entra con naturalezza nel plausibile grazie all’arguzia dell’autore, Tony Ross, uno dei più noti scrittori inglesi di libri per l’infanzia. Affetto, ma anche rispetto per l’altro e rispetto dei giusti spazi (e habitat) sono i temi che rendono le pagine di questo bell’albo godibile da piccoli e grandi, in lettura condivisa.

  • Animali e animali

Sempre di pacifica convivenza tra creature animate si parla nell’ultimo libro di Emilio Urberuaga, Animali e animali (Lapis, pp. 32, euro 12,50, dai 4 anni), che, più che comparare le specie diverse, ne sottolinea il destino comune, invitando alla consapevolezza dei limiti – e al conseguente sfruttamento virtuoso – delle risorse del nostro pianeta. Perché “Tutti… /viviamo nella stessa casa e dobbiamo prendercene cura”.

  • Una canzone da orsi

È invece un plantigrado il protagonista di Una canzone da orsi (Franco Cosimo Panini, pp. 32, euro 14,50), l’albo in grande formato che si è aggiudicato il Premio Andersen 2014 come miglior libro 0-6 anni. Orsetto si è allontanato dalla tana per inseguire un’ape: toccherà a papà Orso disertare il letargo e mettersi all’inseguimento del piccolo, attraversando prima la foresta e poi il caos della città, tra piccoli dettagli nascosti tra le pagine, da scoprire insieme. L’autore, il francese Benjamin Chaud, recentemente ha dedicato a questi personaggi anche una nuova divertente avventura, dal titolo Pupupidù, Orsi in pista. Qui il booktrailer

  • Elefanti

Rimaniamo in casa Panini con il pachiderma per eccellenza che campeggia, in fogge e colori diversi, tra le pagine di Elefanti (Franco Cosimo Panini, pp. 40, euro 15,00, dai 4 anni). “Grandi e piccoli, a righe o a pois, rossi, gialli, blu… ognuno ha il suo colore, un’emozione diversa. Forme intagliate tra le pagine, numeri, giochi d’osservazione, firmati da due artisti del genere, Pittau & Gervais”.

  • Vedere il giorno

Soluzioni a cui potrebbe affiancarsi, per scelta di formato e foliazione anche Vedere il giorno (Timpetill, euro 15,00) di Emma Giuliani, libro a fisarmonica che si è aggiudicato la menzione come Opera prima della Bologna Children’s Book Fair 2014. Tra i più consigliati dai librai che hanno partecipato all’iniziativa di ANDERSEN #ilmiolibropernatale, il volume invita a scovare nella grigia quotidianità la poesia del colore.

  • Oh, i colori

Quella stessa poesia che ritroviamo nelle parole di Jorge Lujan e nelle illustrazioni di Piet Grobler in Oh, i colori (Lapis, pp. 32, euro 13,50, dai 4 anni). Tradotto ad arte da Teresa Porcella, l’albo illustrato presenta il testo a fronte in spagnolo e si affida alle rime e ai delicati acquarelli per esplorare il mondo attraverso le sfumature di una tavolozza. Così nel verde di un piccolissimo seme “ci sta tutto il verde, ci sta un trifoglio, ci sta una quercia, ci sta la selva intera”. Dal libro è nato anche uno spettacolo musicale con Jorge Lujan e Teresa Porcella.

  • Ci provo gusto

Educazione alimentare, alla selvatichezza, contatto con la natura e, non da ultima, la voglia di giocare insieme. Dagli albi illustrati alla divulgazione, troviamo tutto questo e molto altro nella nuova collana di Editoriale Scienza “Ci provo gusto” di Emanuela Bussolati e Federica Buglioni. Un progetto versatile che affianca al formato tascabile della narrativa de Il club dei cuochi segreti (pp. 128, euro 9,90, dai 7 anni) a quello più grande del manuale operativo Giochiamo che ti invitavo a merenda? (pp. 48, euro 9,90, dai 3 anni).

  • Creature selvatiche

Anche la narrativa per i più grandi riserva ai ragazzi la possibilità di leggere storie in linea con un giusto approccio alla cura dell’ambiente e in nome della sostenibilità. Le edizioni San Paolo, ad esempio, propongono l’esordio italiano di Clay Carmicheal, Creature selvatiche (pp. 288, euro 18,00, dai 10 anni), un romanzo in cui l’esperienza di selvatichezza diventa anche percorso di formazione. Il ritrovamento di una capanna apparentemente abbandonata, nel mezzo del bosco dietro casa, sarà per Zoe l’occasione per un’avventura inaspettata.

  • Canzone grande fiume

Lungo le rive del Grande Fiume, si muovono invece Sylvan, Orris, Aven e Fern, le quattro arvicole protagoniste di un altro esordio letterario, quello di Tom Moorhouse (La canzone del Grande Fiume, Feltrinelli Kids, pp. 192, euro 13,00, dai 7 anni). Tra combattimenti per il territorio, fughe dai predatori e nuove amicizie, i quattro fratelli devono sbrigarsi a crescere in fretta per sopravvivere alle insidie e ai pericoli che li aspetteranno nel corso della loro avventura.

  • Senza parole

Ultimo ma non ultimo, un consiglio – illustrato – per i più grandi, opera dell’illustratore catalano Roger Olmos. Senza parole (Logos, pp. 48, euro 15,00) è una sorta di manifesto animalista per immagini, un albo dalla forte carica ideologica che fa del suo silenzio il punto di forza. Capace di muovere la riflessione con la sua misura visionaria e surreale, regalando una lettura insolita.

LEGGI ANCHE: Distributore automatico di storie, quando la lettura diventa il migliore dei passatempo (video)

LIBRI DA REGALARE A NATALE

Quindi se servono idee regalo per Natale guardate tutti i nostri suggerimenti originali (come i biscotti in barattolo) o fai da te, regalate un libro (per chi vuol capire a fondo il nostro sito suggeriamo la  nuova edizione tascabile del libro “Non Sprecare” di Antonio Galdo) o per chi ha bambini, ha una biblioteca o fa l’insegnante e vuol essere aggiornato su pubblicazioni di qualità l’abbonamento alla rivista Andersen.

LE STORIE DI CHI AMA I LIBRI:

  1. La favola per bambini di un nostro lettore che insegna ai piccoli a non sprecare l’acqua
  2. Il maestro in pensione che gira l’Italia per insegnare il piacere della lettura ai bambini
  3. Pianissimo, il furgone che insegna ai bambini ad amare i libri
Share

<