Acotel: la nostra scelta di investire in risparmio energetico | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Acotel: la nostra scelta di investire in risparmio energetico

I nuovi Smart Meter, contatori energetici che permettono di conoscere e orientare i consumi domestici, saranno in commercio dalla fine di ottobre 2013

di Posted on

Cresce il numero delle aziende che scelgono di investire in risparmio energetico. Lo provano le tante innovazioni presentate in occasione dello Smart Energy Expo, vetrina privilegiata per i professionisti del settore, che ha “battezzato” anche la nascita dei nuovi Smart Meter di Acotel Energy. Si tratta di un progetto di Acotel Net, la nuova Business Unit della holding guidata da Claudio Carnevale, che segna l’ingresso di Acotel Group nel mercato dell’efficienza energetica.

APPROFONDISCI Diventare “Energy manager a casa propria: come tagliare le bollette

Dopo una presenza di oltre vent’anni nel campo dei servizi di telecomunicazione a fianco di aziende come Telecom Italia e grandi gruppi bancari, la compagnia, conosciuta per avere elaborato il primo servizio informativo via SMS al mondo, ha annunciato dal palco della Fiera di Verona che i nuovi dispositivi saranno in commercio entro la fine di ottobre 2013.

IL CASO Edifici green: l’ambasciata d’Italia in Brasile

«Pensiamo a una rete telefonica, simile a quella dei cellulari, che però interagisce con dei chip legati a un contatore energetico» spiega il presidente di Acotel Claudio Carnevale «In questo modo è possibile comunicare all’utente finale in tempo reale quali sono i suoi consumi e potrà orientare i suoi comportamenti. Si può creare così una cultura di massa su come noi usiamo e abusiamo della nostra energia». L’obiettivo, dunque, è quello di educare le persone a un consumo di energia più consapevole; utilizzando anche i vantaggi dell’interazione con i servizi forniti dalla rete telefonica, uno dei settori chiave dello sviluppo della compagnia negli ultimi vent’anni.

Acotel è un’azienda il cui fatturato deriva quasi esclusivamente dall’estero (circa l’85%), ma che mantiene le radici saldamente in Italia. La produzione dei dispositivi di smart metering, sia hardware che software, è infatti interamente italiana, compresa la pianificazione in azienda di tutte le fasi di ricerca e sviluppo.

 

 

Shares