Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Si’ alla campagna di Vogue contro lanoressia. Ma fermiamo anche gli stilisti che fanno sfilare le super magre

di Posted on
Condivisioni

La battaglia di Vogue Italia, il periodico diretto da Franca Sozzani, è tutta da condividere: una raccolta di firme per la chiusura dei siti e dei blog che esaltano l’anoressia può tradursi in un colpo vincente per arginare un fenomeno in continua crescere. E in ogni caso non possiamo restare zitti e muti di fronte all’universo di Internet dove si arriva perfino a istruire i giovani sulle regole per diventare anoressici. L’anoressia, come ho raccontato nel libro Non sprecare, è uno spreco: del corpo, della salute, della bellezza. Della vita. E come tale va contrastato con tutte le armi, a partire proprio dai luoghi dove il verbo della magrezza viene diffuso a piene mani. Con i risultato che in Italia i malati di anoressia hanno superato la soglia dei 3 milioni (il 78 per cento sono donne), concentrandosi nella fascia di età tra i 18 e i 25 anni. Auguriamoci che la campagna di Vogue Italia, alla quale si può aderire attraverso il sito www.vogue.it, sia altrettanto severa nei confronti degli stilisti e delle grandi maison della moda che continuano a fare sfilare ragazze anoressiche.