Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Kloters, la maglietta che ingoia lo smog prodotto da due automobili in città (foto)

Il progetto e il brevetto realizzati da tre ragazzi: Federico Suvia, Silvio Perruca e Marco Lo Greco. Un t-shirt che di fatto aiuta a respirare meglio, grazie a un piccolo inserimento all’interno di una tasca. Con proprietà anti-muffa e anti-odore

Condivisioni

KLOTERS

Una maglietta anti-smog. Una maglietta che mangia l’aria viziata e riesce perfino a farci respirare meglio. Start-up sviluppatasi un po’ per caso, Kloters nasce dalla condivisione di idee e aspirazioni di tre ragazzi Federico Suria, Silvio Perruca e Marco Lo Greco. La loro aspirazione principale era quella di creare qualcosa che non solo fosse sostenibile, ma che aiutasse concretamente l’ambiente esterno, cercando di realizzare un prodotto in grado di competere nel mondo fashion senza compromettere l’estetica, l’eleganza e il comfort del capo.

LEGGI ANCHE: Abiti, gioielli, accessori: un intero catalogo di moda realizzato con materiali di riciclo

REPAIR

Da qui nasce RepAir, una t-shirt che grazie ad un inserto chiamato “The Breath”, il quale, inserito all’interno di una tasca e senza alcuna necessità di essere attivato o alimentato da fonti esterne, imprigiona tutti gli inquinanti che quotidianamente respiriamo come quelli derivanti da autovetture o da caldaie e rende l’aria molto più pulita. Tale capo è in grado di annullare l’effetto dell’inquinamento prodotto da due automobili in città..

MAGLIETTE ANTI SMOG

Posizionato all’interno di un taschino, l’inserto è composto da due strati esterni stampabili, resistenti all’acqua e con proprietà anti-muffa e anti-odore, e da uno strato intermedio in fibra adsorbente carbonica in grado di trattenere e disgregare le micro particelle inquinanti presenti nell’aria.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2018 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+

CANDIDATI AL PREMIO NON SPRECARE EDIZIONE 2018:

  1. Cucce, ciotole e lettiere per cani e gatti: solo con plastica riciclabile del gruppo Bama
  2. Livelux di Alessandro Martini, l’artigiano fiorentino che crea punti luce a basso consumo dai rifiuti
  3. A Cameri la scuola record in Italia: l’80 per cento degli alunni arrivano la mattina con la bicicletta
  4. L’Arsenale dell’accoglienza, le famiglie lombarde che accolgono giovani soli. E si finanziano vendendo bomboniere (foto)
  5. Round Table, il club di professionisti e imprenditori che lottano per eliminare gli sprechi di cibo
  6. 3Bee, un dispositivo elettronico che protegge gli alveari da pesticidi e parassiti
  7. Chimera, l’azienda che crea un fertilizzante naturale dal letame dei polli. Utile anche per produrre elettricità
  8. Cannucce senza plastica, l’alternativa di un barman: farle con un particolare tipo di pasta, le zite