Questo sito contribuisce all'audience di

Università e scuole con le luci accese: ma i prof. non possono spegnerle?

Accade alla Sapienza di Roma, facoltà di Lettere: nessuno spegne le luci, giorno e notte. Uno spreco enorme e una domanda: ma nelle loro case i professori universitari fanno lo stesso?

di Posted on
Condivisioni

SPRECHI UNIVERSITA’: ALLA SAPIENZA LUCI SEMPRE ACCESE – Luci sempre accese, giorno e notte. Accade in molto università e scuole italiane dove nessuno riflette un attimo, e interviene, su questo spreco assurdo e ingiustificato. Tanto più grave se pensiamo che avviene in un settore, la Pubblica Istruzione, dove sono frequenti i tagli ai corsi e alla ricerca.

LEGGI ANCHE: Sprechi negli ospedali, quasi la metà del cibo finisce nella spazzatura

IL CASO DELLA FACOLTA’ DI LETTERE ALLA SAPIENZA – Ma la cosa ancora più singolare riguarda le motivazioni e le giustificazioni di questi sprechi. Quando i giornali hanno denunciato il caso della facoltà di Lettere della Sapienza di Roma (uno dei tanti), il preside Roberto Nicolai si è giustificato così: «Nessuno spegne le luci perché non abbiamo al completo il personale per la manutenzione e la custodia dell’edificio. I dipartimenti, a ogni piano, sono autonomi e non hanno attivato i nuovi contratti. So che si tratta di uno spreco, ma io più che sollecitare i dipartimenti a trovare una soluzione, non posso fare…».

Veramente bizzarra l’autodifesa del preside, e indicativa di un modo di pensare, molto accademico in senso corporativo, che dilaga nelle università e nelle scuole italiane. Della serie: lo spreco c’è e noi alziamo le mani.

SPRECHI DI DENARO E ENERGIA ALL’UNIVERSITA’ LA SAPIENZA DI ROMA – Ci sono alcune domande che verrebbe voglia di fare al preside. Per esempio: ma ammesso che una università come la Sapienza non sia in grado neanche di garantire il servizio di custodia, i professori, con lo stuolo di assistenti vari, non possono sforzarsi in prima persona e spegnere le luci quando lasciano una stanza? Troppa  fatica? Hanno tutti le mani ingessate? Considerano questo semplice gesto non adeguato al loro status accademico? E infine, c’è da domandarsi se i signori baronetti universitari sono così spreconi anche nello loro case. Lasciano ovunque, giorno e notte, luci accese? O lo fanno solo nelle aule universitarie dove il conto lo paga Pantalone?

PER APPROFONDIRE: Dagli hotel antispreco alle iniziative dei cittadini, i progetti contro lo spreco di cibo

LEGGI ANCHE: