L'elettrico alla svedese infiamma Volvo | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

L’elettrico alla svedese infiamma Volvo

di Posted on
Condivisioni

Elettrico alla svedese. L’industria automobilistica sembra aver capito che senza una partnership con le aziende energetiche pronte ad investire in una rete di stazioni di ricarica e a sfruttare il potenziale business delle ricariche, l’auto elettrica non ha futuro. Una strada tracciata negli ultimi mesi dal gruppo Nissan-Renault con la firma di una decina di accordi in tutto il mondo (anche in Italia con la lombarda A2A), dai tedeschi di Daimler (100 Smart elettriche a Milano, Pisa e Roma grazie all’intesa con Enel) e ora seguita anche da Volvo che a Stoccolma ha annunciato l’avvio di una joint-venture con Vattenfall.

IBRIDO
– L’obiettivo e’ quello di lanciare sul mercato a partire dal 2012 auto ibride (con un motore Diesel affiancato da un elettrico) di tipo “plug-in” ovvero che possono ricaricare le batterie (al litio da 8 kW) oltre che in moto, come avviene ora sulle ibride, anche a una tradizionale presa di corrente casalinga o presso delle colonnine e stazioni di ricarica. Tutto cio’ consentira’ di aumentare l’autonomia che l’auto potra’ fare con il solo dal motore elettrico a zero emissioni allo scarico. La Volvo e’ la prima Casa automobilistica premium a presentare un progetto di un’auto ibrida plug-in, ha affermato Stephen Odell, presidente di Volvo e il suo sviluppo sara’ cofinanziato dalle due industrie svedesi: Volvo produrra’ le vetture mentre Vattenfall sviluppera’ i sistemi di ricarica e fornira’ l’elettricita’ necessaria alle auto. La prima vettura dimostrativa e’ una Volvo V70 che secondo quanto annunciato dalla Casa svedese ha emissioni di CO2 su un ciclo combinato di soli 50 g/km e con consumi pari ad 1/3 della V70 tradizionale solo con il motore Diesel, come ha precisato Paul Gustavsson, VP Business Development di Volvo.