Caricabatterie per ricare auto elettrica a casa - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Prism, il caricabatterie intelligente per auto elettriche che riduce di dieci volte il tempo per il pieno

L'invenzione è di un giovane trevigiano classe 1986, Cristiano Griletti, che è stato selezionato tra i venti finalisti del premio statunitense HackADay. Il suo caricabatterie si collega ai pannelli solari e si adatta alla potenza degli impianti domestici, evitando sovraccarichi. In tutta sicurezza

Nel 2018 in Italia sono state immatricolate 9.579 automobili elettriche, e il numero è sicuramente destinato ad aumentare, come previsto e mostrato dallo Smart Mobility Report del Politecnico di Milano. Quasi diecimila auto elettriche, di cui la metà ibride, immesse sul mercato e scelte da automobilisti attenti alle tematiche ambientali e alla sostenibilità dei propri veicoli. Eppure, gli ostacoli e le difficoltà che impediscono all’auto elettrica di diffondersi ulteriormente sono ancora tanti. Primo tra tutti, la ricarica, cruccio principale dei possessori di auto elettrica o di chi intende acquistarla. Le domande sono tante: come e dove posso ricaricare? Quanto tempo ci metterò? Con quali dispositivi?

LEGGI ANCHE: Colonnine per auto elettriche, in Gran Bretagna sono più delle tradizionali pompe di benzina

CARICABATTERIE PER RICARICARE AUTO ELETTRICA A CASA

Il principio della ricarica di un’auto elettrica non è poi tanto diverso da quello di uno smartphone, ma, come è facile intuire, ciò che differisce sono le dimensioni della batteria, che deve accumulare una grande quantità di energia destinata al movimento dell’auto. Cosa che comporta anche un aumento del tempo necessario per ricaricarla completamente, e la difficoltà di poter ricaricare l’auto a casa,  vista la potenza limitata delle forniture di energia per uso domestico.A casa la velocità di ricarica è molto lenta, rischiamo di aspettare anche dieci/dodici ore prima della ricarica completa, e non è molto sicura, perché le spine in Europa non sono progettate per questo tipo di carico continuo. E, non possiamo utilizzare altri elettrodomestici in contemporanea alla ricarica per non far scattare il contatore.

caricabatterie per ricaricare auto elettrica a casa

DISPOSITIVO PRISM PER RICARICA AUTO ELETTRICA

A tutte queste difficoltà concrete e oggettive ha provato a rispondere un giovane trevigiano residente a Padova, Cristiano Griletti, co-fondatore e titolare di una startup di noleggio di auto elettriche, appassionato di elettronica sin da bambino. Inventando Prism, uno speciale caricatore per veicoli elettrici intelligente. Prima di tutto perché è studiato per adattarsi alla potenza disponibile regolando automaticamente la potenza di ricarica per evitare il sovraccarico. Poi, perché è in grado di sincronizzarsi con l’impianto a pannelli solari di casa caricando l’auto senza sprechi quando il sole splende. Ultimo ma non ultimo, Prism è progettato per ridurre di dieci volte  i tempi di ricarica: essendo un impianto trifase riesce a caricare le auto molto più velocemente rispetto ai normali cavi in dotazione con l’auto acquistata. Non solo: il dispositivo Prism è sicuro e completamente personalizzabile in base alle esigenze, anche di risparmio energetico. Una singola Prism può caricare uno o due veicoli contemporaneamente, e questo consente di ottimizzare i consumi.

PER APPROFONDIRE:Auto elettrica, il progetto italiano per l’autostrada che la ricarica automaticamente, lungo il percorso (foto)

INVENZIONE PADOVANA PER RICARICA AUTO ELETTRICHE

Con questa invenzione Cristiano, classe 1986 e una grande passione per i congegni elettronici, è stato selezionato tra i venti finalisti del premio HackADay organizzato negli Stati Uniti d’America dall’omonimo blog, testata autorevole e importante del settore. In palio ci sono 125 mila dollari, anche se Griletti e il suo socio e amico, Alberto Stecca, sono convinti che comunque andrà sia già un successo,  proprio perché il progetto serve a ridurre le difficoltà per chi sceglie la mobilità sostenibile. Incentivandola. Entro la fine dell’anno il caricatore sarà messo in commercio, dando nuova linfa allo stato dell’arte della ricerca sulla ricarica domestica delle auto elettriche, facendo risparmiare ai possessori ore e ore di tempo prezioso, e anche soldi. Perché l’auto, con l’energia solare, farà il pieno gratis. 

MOBILITÀ SOSTENIBILE:

Shares

Shares