Questo sito contribuisce alla audience di

L’orto sul balcone: il vademecum della coltivazione in poco spazio con tanta resa

Trasformare un balcone fiorito in uno spazio capace di produrre verdure gustose senza penalizzarne l’estetica non è difficile, basta seguire pochi e semplici accorgimenti, per potersi gustare le proprie pietanze a km zero.

L'orto sul balcone: il vademecum della coltivazione in poco spazio con tanta resa
Orto sul balcone: come iniziare
di

COME COLTIVARE L’ORTO IN CASA -

Realizzare un piccolo orto in casa e produrre melanzane, fagiolini e ortaggi freschi in terrazza o sul balcone, è semplice e anche divertente. Si possono coltivare le spezie che sono belle da guardare (lavanda, timo, basilico) e ottime da avere a portata di mano per insaporire le pietanze. Gli orti sono molto in voga anche nelle attività scolastiche poichè avvicinano i bambini alla conoscenza dei cibi che mangiano. Questo perchè, durante uno studio nelle scuole elementari, la maggior parte dei bimbi di città, non sapeva cosa fosse una melanzana. Gli studiosi hanno chiesto ai piccoli cosa fosse. La maggior parte ha risposto:”Palla da rugby”.

LEGGI ANCHE: Agriasilo e agrinido, essere consapevoli fin da piccoli

COME INIZIARE -

Da dove partire? Lo abbiamo chiesto a Cristina, del blog il mio orto in balcone:A dire il vero l’ideatore dell’orto in balcone è stato mio marito”. Racconta Cristina, che ha due bimbi piccoli, un lavoro full time e tanta voglia di mettersi in gioco “Io ho colto al balzo la sua proposta e mi sono subito data da fare. L’idea di produrre ortaggi e veder crescere giorno dopo giorno le piantine mi ha sempre affascinato. E poi anche per i bambini è una bella esperienza oltre che un divertimento. Diciamo che cerco di tramandare le origini contadine“.

PER APPROFONDIRE: Cosa coltivare nell’orto di casa, i consigli per i principianti

  • Quanto è impegnativo?Non troppo. Una volta sistemati i vasi (è il lavoro più pesante) il resto diventa divertente. In fin dei conti l’orto richiede solo di essere annaffiato e neanche troppo (ho scoperto che la troppa acqua può annientare una bella pianta di pomodori!)
  • Dove trovi il tempo? “Quà e là, 5 minuti prima di uscire da casa per annaffiarlo (soprattutto in estate) e una mezz’ora durate il week end per raccogliere, mettere a dimora nuove piantine o semi, concimarlo o togliere qualche erba.
  • Come decidi cosa coltivare? In primis facciamo il “Consiglio di Famiglia”: io, sanmarito, e i nostri due ragazzi (che sommati insieme hanno un totale di 6 anni circa). Si fanno delle proposte in base a quanto studiato (almeno noi più grandicelli) e poi si mettono al voto. E’ necessario raggiungere l’unanimità!
  • Chi ti dice come prenderti cura delle piante? “Un po’ attingo alle origini contadine della mia famiglia, per il resto mi informo su internet o chiedo consiglio a chi ha un orto vero. Altre volte faccio esperimenti: talvolta riescono, altre no.
  • Ci fai un esempio di quello che hai cucinato con le tue verdure? “Anche tre : frittata di zucchine, fiori di zucca ripieni e cicorione ripassato in padella! Una delizia oltre che una gran soddisfazione personale!”

PRIMI PASSI PER COLTIVARE UN ORTO SUL BALCONE: STARTER KIT -

Anche se i vasi in terracotta sono i migliori, per cominciare la nostra attività meglio acquistare quelli in plastica di forma rettangolare. Questo perchè sono più leggeri da trasportare e si possono addossare gli uni agli altri per guadagnare spazio. Le piante a elevato sviluppo fogliare come le zucchine e i pomodori hanno bisogno di vasi profondi e in soli 20 cm di terra crescono rachitiche o muoiono. La profondità consigliata è di 40 cm ALMENO di terra, quindi un vaso da almeno 50 cm di profondità.

QUALE TERRICCIO SCEGLIERE -

I vasi vanno preparati tutti con argilla o ghiaietto sul fondo. Se avete qualche conoscente con orti o terreni, fatevi regalare un po’ di terra, è senz’altro migliore di quella comprata in sacchi. Al terriccio universale da giardinaggio è bene aggiungere anche un po’ di sabbia, perché gli ortaggi non amano un substrato capace di trattenere a lungo l’acqua, che deve invece drenare facilmente. La sabbia, meglio se a grana grossa, deve essere circa il 10% del totale. Questo mix andrà benissimo per tutti gli ortaggi da coltivare in balcone.

COME ANNAFFIARE L’ORTO -

Gli apporti idrici devono essere frequenti, ma mai troppo abbondanti. Quando si annaffiano le piante, è meglio non bagnarle mai a pioggia, meglio versare l’acqua sul terreno, preferibilmente sui bordi, arriverà da sola alle piante senza creare uno shock termico come succederebbe invece innaffiandole direttamente sulle radici. Nel periodo di produzione, se mancano le piogge, è necessario irrigare tutti i giorni. È meglio innaffiare di sera, dopo il tramonto. Le piante vengono meno sollecitate e hanno tutta la notte per assorbire l’acqua mentre innaffiando al mattino presto buona parte dell’acqua evaporerà con il sole.

QUANDO PIANTARE -

Il consiglio migliore è partire da un vaso di aromatiche e un vaso con pomodori, preferibilmente addossati al muro perché hanno bisogno di supporti. Sono facili anche le zucchine, ma un vaso a parte è una buona cosa. In un vaso di 50 cm ci stanno un paio di piantine contando però che più piante ci sono e meno soffrono perché rimane alta umidità e frescura. Il periodo ottimale per la messa a dimora di piantine già cresciute, non semi (che sul balcone hanno poche possibilità) è tra fine marzo fino alla fine di aprile.

COME CONCIMARE L’ORTO -

Concimare va benissimo ma non troppo, troppa concimazione brucia le radici delle piante. Tra i concimi bio migliori, il più adatto è il terriccio di lombrico, da inserire direttamente quando si mette il terriccio nei vasi. E molto nutriente, con nessuna controindicazione e va bene per qualsiasi pianta. Se non siete esperti evitate i concimi liquidi: basta un dosaggio leggermente sbagliato o troppo vicino al precedente per bruciare tutto. Anche i fondi del caffè sono ottimi per concimare i nostri vasi sul balcone.

LAVARE BENE PRIMA DI MANGIARE -

Per chi ha il balcone nelle strade di città, non dimenticate il traffico e le polveri sottili.Le verdure vanno lavate benissimo, con bicarbonato di sodio. Ancora meglio: coprirle con tessuto non tessuto che terrà lontane le polveri sottili facendo filtrare invece acqua e sole.

PER SAPERNE DI PIU’: Come coltivare le fragole sul balcone

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie: